21 February 2020

URBNSURF - Wavegarden Cove - Review!


 All you need to know about the URBNSURF wave park that you won’t find in surf magazines.

This is written by a weekend, longboarder, kook surfer.

URBNSURF is the first wavepoool open to public in Australia. It uses the Wavegarden Cove technology: instead of an underwater foil attached to a train, here the wave-machine is hidden in the pier/underwater and its exact nature is a secret.
The pool is diamond shaped, split in 2, left and right.

What kind of waves can you get?
Beginner, intermediate and advanced. While the beginners stay “near the shore”, the intermediate and advanced sessions take turns at the tip of the diamond.

How many people in the water?
Up to max 18 surfers per side, plus beginners near the shore.

How does a session work?
A session lasts 1 hour. Surfers get gathered near the pier 10 mins prior and receive basic instructions, while the surfers in the water hear a siren that means “last waves and out”. Then you hit the water and the carousel starts again. Till the next siren.



What happens in the water?
You enter near the pier where a rip helps you out to the take off zone, at the tip of the diamond. The waves generate a lot of current that flows clockwise on the right side, and anti-clockwise on the left. If you fall it is way easier and safer to get the white water and go straight near the beginners, then catch the sideways rips to the pier and back to the point. Any other option is a waste of time and energy as you will find yourself struggling against a powerful river.
So you enter the water, paddle easily along the pier, then get in the line with your fellow surfers, ready to take a wave each, in turns.
The waves are generated at 6 seconds period, and they go in sets of around 10 of them. After that there’s a pause of one or two minutes. I don’t know if this is a technical break, but certainly it’s a good thing to have, as surfers get scattered around the pool and first-time users find themselves fighting against the rip. So, it’s probably more of a safety break, but trust me, you will be surprised by the intensity of the game: you will enjoy the break.

Since URBNSURF at the moment is constantly sold out, you will be in the water most certainly with another 17 surfers. This means that you are not gonna take 2 waves of the same set.  Knowing that, and knowing of the break between sets, take your time to go back in the line-up and save energy.

The line-up is the most annoying part, I found. Surfers are very close to each other and it’s easy to bang the surfboards while the waves pass-by pumping. Also, there’s a strong suction effect for each wave that you have to manage. So, waiting for your turn is not relaxing as you may have expected.

The take-off part is the most alien experience of them all. The others get going one by one at 6 seconds interval, like a clockwork, and soon you find yourself at the top of the chain, with 6 second to get in position and catch a wave that you didn’t see, didn’t chose, didn’t evaluate. The water sucks you back and up and you must go. It is so weird, I can bet you’ll fail your first wave just because in reality you are going blind.

So, what about the waves? Any good?
Oh yea!
I only surfed the intermediate and as mentioned, I’m not young and I’m a kook. However, I spend my surfing time in the Gold Coast, and I know what a good wave looks like.
This one is a good point-like wave, with a good, glassy shape, a steep curl and a welcoming open shoulder for your tricks.
The Ocean gives you waves that are way better and taller, yes, and also variety, yes, but also a lot of crap, and you never know when things are good, unless you are there. At URBNSURF you get tons of waves that are consistently good, all the times. This place is like a surf gym.
But the best part is that during your session they change the settings and let the waves pump more!
You start at hips high and finish at head high. No need to say that the last 20 minutes are the one where you really enjoy the game! The last setting reminded me of National Park, in Noosa, on a nice day: nice shape, tall enough, wide shoulder, fast enough to have a very good time.
You ride up to about 12 seconds and you have time to shoot 3 or 4 moves. And then repeat, and repeat, again and again.

Property of URBNSURF
Are the waves really all the same?
No. The rips, the refraction and the wind makes them develop in slightly different way.
But they are incredibly similar!

What about the advanced?
As mentioned, I didn’t try it. For what I’ve seen, it starts from where the advanced left, tweaking the setting and getting a wall that becomes steeper, until you get the barrel. The barrel reminded me vaguely of The Wedge in California, for its pyramid shape. Everyone I’ve seen failed it at the first attempt. It seems you take-off, bottom turn, spray at the top, and then lay low inside the barrel. Easy for you?

So, is it worth?
Well, yes.
Quantity and consistency are of another planet. Unless you only enjoy pumping/barreling Kirra or Uluwatu, then yes, this is lots of fun. This place is like Disneyland for weekend surfers.

And what about the nature (or the absence of it), the searching, the finding, the perfect wave dream, the enlightenment, the spiritual growth that surfing in the Ocean can give you?
I surf in super crowded places where women and kooks like me get abused by locals and youngsters. That storytelling does not fit with my reality and I don't have any problem in having fun in a pool if I'm sure that I can get my waves without dickheads interfering. Honestly, I don't know what the problem would be.
For me surfing is about having fun and URBNSURF is certainly a place where I got a lot of fun.
It made me happy. I'll go again.

So, time for my rating!
Score: 4.5 stars out of 5!
Why not 5? Because it could be bigger!!
Does it work?
Hell yes!
Do I like it?
A lot.
Do I recommend it?
Of course!
Suggestions?
Book ahead. Get no less than 2 sessions. Use it to try fins and different surfboards: in 2 hours you’ll get them sorted!
Be fit.
Have fun!


--Italian--

Aerial shot of The Wave, Bristol - same but smaller



Mi sono sacrificato ed ho visitato URBNSURF per voi.
Ecco tutto quello che non è stato ancora scritto per il surfista qualunque che vuole visitare questo parco giochi.

Cos’è URBNSURF?
E’ una wavepool creata a Melbourne da imprenditori australiani, utilizzando la tecnologia Wavegarden Cove.
Al contrario della capostipite in funzione nei Paesi Baschi ed in UK, che utilizza un’ala che viaggia sotto la superficie dell’acqua, attaccata ad una sorta di treno che corre al centro vasca (zio Kelly ha chiaramente copiato), qua la creazione delle onde è nascosta ed è segreto industriale.
La vasca ha forma romboidale, con un pier al centro che nasconde la macchina delle onde e le divide in destre e sinistre.

Cosa trovo una volta varcati i cancelli?
Spogliatoi, bagni, docce, lockers, divani, tavoli, panchine, spazi verdi, spa, scuola di surf, noleggio ed acquisto attrezzatura, servizio fotografico/video, bagnini, camioncini per rifocillarsi e presto anche un vero e proprio bar ristorante (alcune cose sono ancora in allestimento, ma l’esperienza è già ottima), clima rilassato e surfisti gasati.

Che onde ci sono a disposizione?
Dal sito è possibile prenotare sessioni per beginner, intermediate e advanced.
I beginner stanno vicino riva, se così si può dire, gli intermediate e advanced si alternano durante il giorno e surfano le onde partendo dal picco più lontano.

Quanta gente c’è in acqua?
Ogni lato accoglie un massimo di 18 surfisti per ogni sessione. Oltre ai beginner che fanno lezione vicino riva.

Come si svolgono le sessioni?
Dieci minuti prima dello scadere di ogni ora suona una sirena che avvisa i surfisti in acqua che è tempo di prendere un’ultima onda ed uscire.
Contemporaneamente il nuovo gruppo viene radunato al centro, vicino al pier, per scannare il braccialetto elettronico e per una breve introduzione.
Dopodiché si entra in acqua ed inizia la giostra. Fino alla prossima sirena.




Cosa succede in acqua?
Le onde generano una corrente significativa che gira in senso orario nella parte delle onde destre, e antiorario dalla parte opposta.
Quando si entra in acqua accanto al pier basta sdraiarsi sulla tavola e si viene portati agevolmente verso il picco in fondo alla piscina, dove il muro esterno ed il pier centrale convergono, creando un angolo d’acqua che risulta essere la take-off zone.
Se si cade la cosa migliore è farsi trasportare dalla schiuma dell’onda successiva verso riva, per poi attraversare la piscina verso il pier sfruttando la corrente, e tornare al picco remando il meno possibile. Qualsiasi altra scelta, oltre ad essere di intralcio e in qualche modo pericolosa per gli altri surfisti, risulta in una lotta impari contro un potente fiume d’acqua che si farà sentire sulle vostre spalle a fine giornata.
Le onde vengono sparate circa ogni sei secondi ed in set di circa dieci alla volta. Dopodiché’ c’è una pausa di uno o due minuti prima del nuovo set.
Inizialmente la pausa è una delusione e la prima reazione è: ecco la fregatura! In realtà, come accennato, questa macchina spara onde vere ogni pochi secondi in uno spazio che non è poi così grande come sembra. Dopo poco la corrente è fortissima, c’è chi cade e non si toglie di mezzo, chi viene trascinato sino al parcheggio, chi lotta di traverso ed invano contro il fiume..
Non so se ci siano ragioni tecniche, ma la pausa risulta essere necessaria per la sicurezza di tutti, per ristabilire ordine e ridare fiato ai partecipanti.
Si, avete letto bene: ridare fiato. Magari non in senso letterale, ma l’esercizio qua avviene ad una intensità molto più alta che in mare. Nella mia prima ora all’URBNSURF ho contato 14 onde. 14 pop-up, 14 cavalcate, uscite o cadute, e remate e tutto il resto. Mentre in mare/oceano il surfista sceglie quando e come e cosa fare, qua è come avere il personal trainer che ti conta i secondi di riposo tra un push-up ed uno squat.
Come detto le onde vengono sparate in set di circa 10 alla volta. Ciò significa che se la sessione è completamente piena (ed al momento all’URBNSURF stanno vendendo tutti i posti disponibili, sempre, tutti i giorni, dall’alba alle dieci di notte), i 18 surfisti in acqua prendono le onde necessariamente in due set diversi, con una pausa nel mezzo. Dunque non c’è bisogno di affrettarsi a fare il giro, perché non prenderete mai due onde dello stesso set. Una volta capito questo, farete con più calma, risparmierete energie, e penserete con più serenità alla prossima bella onda che vi aspetta tra qualche minuto.

Stare in fila nello strano line-up è la parte più fastidiosa, a mio avviso. Durante la pausa non c’è problema, ma quando si inizia, si galleggia accanto al pier centrale mentre le onde vi fan fare le montagne russe, risucchiandovi in avanti ed in dietro a ciclo continuo, mentre dovete gestire la posizione insieme ai vostri vicini. Se andate col longboard come il sottoscritto, mettete in conto il fatto che i vostri vicini (90% shortboard, sembra essere la media) sbatteranno contro la vostra tavola con una certa regolarità!

Il take-off è l’esperienza più strana che possiate avere. Siete in fila, uno ad uno gli altri partono con regolarità da metronomo, ed in punto in bianco avete 6 secondi per mettervi in posizione e prendere un’onda che non c’è, non avete visto, non avete scelto, non avete valutato. Ma basta il tempo di spostarvi al centro, girare la tavola e dare uno sguardo alle spalle per vedere l’acqua della piscina salire decisamente in alto e risucchiarvi indietro. Tocca a voi. O siete pronti o cadrete senza appello.
Inizialmente il processo può confondere i vostri automatismi e risultare alieno. È molto probabile che fallirete il vostro primo take-off, per il semplice motivo che in realtà non sapete cosa state facendo. Ma dopo poco aggiusterete il tiro ed a quel punto inizia il divertimento.

Ma insomma, come sono queste benedette onde?
Vediamo, come posso descriverle in poche parole.. Ah ecco: una figata!
Qua devo specificare di aver surfato, col longboard, solo l’intermediate, perché’ il tubo a disposizione per gli advanced è fuori dalla mia portata. Ho anche una certa’ età e somiglio più ad un bradipo che ad un gatto. Tuttavia, dalla mia parte c’è il fatto che normalmente surfo in Gold Coast e conosco le famose onde della zona.
Questo per dire che l’intermediate offre un’onda tipo point, che spinge quanto basta, con una bella parete aperta per le vostre manovre ed un picco che si srotola e vi travolge esattamente come in oceano. L’oceano regala certamente onde migliori e di varietà, ma anche peggiori e per periodi indefiniti. Ed è praticamente impossibile prenderne così tante di questa qualità nell’arco di poche ore. Questo posto è praticamente una palestra per il surf.
Ma la parte migliore è che durante la sessione cambiano i settings, aumentando gradualmente l’altezza e la potenza dell’onda. Si parte ad altezza bacino e si finisce ad altezza testa. Il take-off diventa un poco più critico e la parete a disposizione più alta e consistente. L’ultimo setting mi ha ricordato l’onda di National Park a Noosa, in buone giornate: sufficientemente alta, di bella forma e veloce per godere come un riccio.
La durata è di circa 12 secondi. L’onda di URBNSURF vi da abbastanza tempo per spararci 3 o 4 manovre in scioltezza.


Proprieta' di URBNSURF


Ma son proprio tutte uguali?
No. Le correnti interne, la rifrazione ed il vento fan si che ogni onda sia unica, pur restando maledettamente, incredibilmente simile alle altre.

E la advance?
Per quanto visto, la sessione advance riprende da dove aveva finito l’intermediate: onda alta e muro aperto, per poi diventare via via più cattiva. L’onda si trasforma ed il tubo viene formato con una sorta di picco tipo The Wedge in California, per capirci. A quel punto si tratta di fare take-off, bottom turn, uno spray in cima, e poi via dentro il tubo, che dura un paio di secondi. In questo caso, al contrario dei tubi infiniti che vedo in Gold Coast, qua il tubo sembra essere breve (sembra perché’ non so cosa si provi a farlo) e comporta anche la fine dell’onda.
Certamente è abbastanza difficile dato che ho visto cadere di continuo tantissime persone.

Ma ne vale la pena? Non è troppo caro?
L’intermediate all’URBNSURF costa 69$ (42 Euro al momento di scrivere) in giorni lavorativi e 79$ il weekend. Se vivete in Australia e credete sia caro, avete qualche problema da risolvere prima di andare a surfare.
La quantità combinata con la consistenza delle onde che prendete in piscina supera una normale sessione tra i pesci.

Ma scusa, ed il contatto con la natura, la lotta contro gli elementi, i regali di Nettuno, la ricerca dell’onda perfetta, il karma, l’illuminazione, le visioni di San Pietro sopra la traversa come Fantozzi e le foto facendo yoga in controluce al tramonto dove le mettiamo?
Mi spiace che voi abbiate questi problemi. Ma non sono uno psicologo. Per tutti quelli che invece pensano che surfare sia divertimento, l’URBNSURF, ed in generale la tecnologia Wavegarden Cove, è certamente il parco giochi che fa per voi.

Ok, tempo di tirare le somme con le solite domande che applico a tutto cio' che provo.
Punteggio: 4.5 stellette su 5.
Perche' non 5? Perche' si potrebbe costruire piu' grande con onde ancora piu' fighe.
Funziona?
A voglia!
Ti piace?
Ci passerei settimane intere.
Consigli?
Fare minimo due sessioni. Con la seconda tutte le incognite son passate e rimane solo il godimento.
Approfittatene per provare pinne e tavole diverse: in due ore risolvete i dubbi amletici che vi attanagliano da anni.
Arrivate in forma.
Divertitevi!


19 February 2020

Cyclone Uesi was here

Of all the videos available, I like this one because it shows the geography and the beauty of Noosa.



06 February 2020

Cyclone on the way?

The pic below is a 1 week ahead forecast for wave height.

It seems that a cyclone, or tropical low, will develop in front of the Queensland coast, traveling south.

Now, this would be the first tropical event in a year that didn't see anything tropical happening at all. And it is late by "just" 4 months. And obviously at this stage it could also not happen at all.

Wave-wise, the thing would be quiet close to the shore. I'm not sure what to expect. Even though in these circumstances, I would only be able to surf something in sheltered Noosa.

Let's wait and see.



Will this happen?



La foto e' relativa alla previsione altezza onde per la settimana prossima.

Sembra che un ciclone, o una depressione tropicale, possa formarsi davanti alla costa e viaggiare verso sud.

Questo sarebbe il primo evento tropicale significativo dell'anno, in ritardo di "soli" 4 mesi, in questo anno che di tropicale ha visto ben poco. Ma essendo la previsione abbastanza lontana, potrebbe anche non accadere.

Sarebbe pure abbastanza vicino, e non sono sicuro che le onde possano essere di qualita'. Anche se per questi eventi, al massimo posso aspirare a prendere qualcosa al riparo di Noosa.
D'altro canto, potrebbe essere invece un disastro per l'erosione della costa, che gia' da tempo soffre.

Vedremo.

01 February 2020

The tunnel

This is the most unusual weather pattern I have seen since I started surfing.

There are small waves now, but we are still getting substantial northerly winds that ruin everything.
If you are a local you can get your fix early in the morning a few times a week. But traveling like I have to do is a problem. I'll never gonna be there early enough, and there wouldn't be enough time to go and search for better options if needed.

Also, my back is slowly getting back to normal, but I don't think it's wise to stress it for small, poor conditions.
So, the result is that since last July this has become the longest and poorest surfing period of my life. 

When you stay out of the water for this long, you start questioning if surfing was a real experience at all, or just a dream.
I can recall steep drops, fantastic wall, and ecstasy. And now I'm here thinking: will I be able to live those moments again?
Will this tunnel of adverse conditions end at some point?





Questo e' il periodo piu' strano che abbia mai visto da quando ho iniziato a surfare.

Prima non c'erano onde, ora ci sono, piccole, ma continuamente rovinate dai caldi venti del nord, che perversano su questa costa da luglio, ora al posto dei cicloni tropicali e tempeste del Pacifico.
I locali certamente stan surfando la mattina presto. La finestra buona la trovi se puoi tuffarti in due minuti. Ma da qua e' impossibile arrivare abbastanza presto per vedere se ci hai azzeccato (o se le previsioni ci hanno azzeccato), e poi magari cambiare pure posto. 

A questo devo aggiungere la mia schiena, che sta lentamente tornardo a posto, ma che mi fa desistere del fare le levataccie col rischio di andare a vuoto o comunque affaticarmi per 4 ondine.
Tutto si sta traducendo nel periodo piu' lungo e penoso che mi sia capitato.

Quando le belle giornate diventano ricordi sempre piu' lontani, ti chiedi se fosse vero. Se quel drop su quella onda ripidissima e piu' altra di te, col longboard che vuole piantarsi come un tronco e gli altri che pensano che non ce la farai mai, ecco, se fosse stato solo un sogno. Se quei muretti puliti, d'acqua come il mercurio non fossero solo fantasie.
E soprattutto se torneranno mai.

Quand'e' che tutto combacera' nuovamente per rivivere quei momenti di gioia?

   

24 January 2020

So you think you can surf?

People over-estimate their ability, and on social media it seems we are all world champions.

This attitude always gives me some self-esteem doubts, as when I'm surfing, I often find good surfers to look up to, and I feel I'm never good enough.

But now, thanks to the Bristol wave pool, many surfers will have to put back their feet on the ground.
In fact, they are getting too many people who can't handle the intermediate setting, creating trouble for others.

The problem is serious, and it's getting to a point where the managers have announced that they will introduce a test session to evaluate people abilities and access to the most performant waves. 

I think this is a setback for the Bristol guys' business, but also an interesting way, and a new tool, to get real about your own abilities.

Also, is this happening only in Bristol? What about the other pools that will open around Europe? It's just the European average surfer, under the average, or we will hear more about this soon, from everywhere?

Are you overestimating your abilities?


Are you this kook?

Non so se avete notato, ma sui social e forum in giro per il mondo la gente chiede consigli per tavole e posti dove andare proclamandosi quasi sempre di livello intermedio. Che non e' dir poco. E che mi fa spesso pensare: ma son tutti cosi' bravi?

Ora pero', in qualche modo, i nodi sembrano stiano venendo al pettine.
Qualche tempo fa a Bristol la gente ha iniziato a lamentarsi di quelli che si presentano a surfare l'onda intermedia (quella advance mi sembra non l'abbiano ancora resa disponibile) senza averne le capacita', creando poi problemi agli altri utenti.

Il problema ha raggiunto dimensioni tali che e' fresca la notizia dell'imminente introduzione di una sessione/test per valutare a priori i candidati alle onde migliori. Un test da passare o fallire.   

Non credo che questa specie di filtro sia una grande idea per il loro business, ma allo stesso tempo e' interessante pensare a quanti surfisti si siano presentati sovrastimando le loro capacita'. Come sui social, tutti intermedi, giusto?

Al momento, che io sappia, nella piu' grande, potente e completamente funzionale Urbnsurf di Melbourne non hanno avuto di questi inconvenienti. Forse che in Down Under il livello medio e piu' alto? O magari e' ancora troppo presto per dirlo?
E quando, tra un po', apriranno le altre Wavegarden pools sparse in Europa, succedera' lo stesso? Sarete voi a dichiararvi "intermedio" per poi finire ad ostruire le onde altrui?

Insomma, siete solo chiacchiere e distintivo?


15 January 2020

Surfinshape model W review!

Since my 5 hours surgery in 2014 that knocked me off for 6 months, I've been paddling at my local swimming pool.
It started as a suggestion from my physiotherapist to regain paddle power in my right shoulder. So I got a bodyboard, asked permission and started paddling.
I recovered, and then I noticed that my stamina in the Ocean was getting better than ever, and I never stopped doing it. I'm over 40 now.

The first time I stumbled upon the Surfinshape training surfboard I was surfing the net, and I thought that it was an ambitious move to offer a product that in my view wasn't really needed.
I forgot about it up until last month when ads started to appear in my instagram and fb feed. Surprisingly, it turned out that my local pool had 2 models up for trial.

So yesterday I asked about it and got the model W for my usual session.

Compared to my bodyboard it felt like big and fat, but not heavy. On the water it was more like a proper surfboard. I was more horizontal and my head had to stay tilted a bit higher then usual.
Because I'm a small man, the model W resulted being too float-y for me, and the bucked was the only thing that prevented it to be too easy to paddle.
I couldn't find the exact position. I felt I was either too far back or forward. But this is something you fix with practice, and my mind was set on the bodyboard feel. 

When I use it I complete a lap with a fake pop up, a sort of push up that sends the board underwater.
I couldn't do it with the W because of its volume. I found myself jumping on it and I guess I would need to find something different to avoid disturbing other swimmers, if I was to get it. It's kind of big to maneuver comfortably within the swimming pool lane.

All the rest was pretty much like my usual session. Nothing new for me.
If it's new for you, and you are around my age and surf only on weekends, get ready to feel the exercise hard on your shoulders and neck. Start with few laps and then increase it over time. You need some weeks to get into it and feel good in the Ocean.    

Let's recap.

Does it work?
Absolutely. Paddling on a board is the best fitness activity you could do to guarantee catching waves in the Ocean.
Do I like it?
Yes. Probably the O model (smaller) would fit my needs more than the W. 
What's my score?
3 stars out of 5.
Why only 3?
Because you can find cheaper alternative solutions and get the same results. Like I did, unknowingly.

Tips for training?
You don't need to be creative: just paddle.
I usually go 2 times a week, and do around 30 laps (1.5km) with 1 or 2 rests. Together with surfing on weekend, this routine gives me enough stamina to last 2 to 3 hours in normal average condition.

Should I buy it?
Well, I believe buying this product is totally up to you and your pocket. But it works.


The model W

The bucket

Model W and my bodyboard

Vado in piscina a remare da anni, con un bodyboard da 4 soldi. Da quando una operazione chirurgica di 5 ore mi ha steso per sei mesi e inciso alcuni muscoli della spalla destra.

Fu il fisioterapista a suggerirlo per recuperare forza e movimenti. Da allora non ho piu' smesso. Ora ho 40 anni suonati.

La prima volta che ho visto sul web la tavola training di Surfinshape e' stato un caso ed ho pensato fosse un'idea un po' troppo ottimista, dato che e' un prodotto superfluo. Ultimamente pero' mi e' comparsa la pubblicita' sui social ed ho scoperto che ce ne sono in prova nella piscina dietro casa.
Ho chiesto di provarla.

La ragazza alla reception ha tirato fuori il modello piu' grande, detto W. E' molto voluminosa, piu' ingombrante del mio bodyboard e all'apparenza sembra tutto semplice polistirolo nudo e crudo.
Con me sopra il W galleggia tantissimo e se non avesse avuto il secchiello sotto a fare resistenza sarebbe stato fin troppo facile remare.
Una volta sopra sembre di essere su una softboard ciccionissima. Dato il galleggiamento rimane piatta e dovevo tirare su la testa piu' del solito. Non ho trovato la posizione giusta, avendo sempre l'impressione di essere troppo avanti o dietro, ma forse dipendeva dall'essere abituato ad allenarmi col bodyboard.

Remare per me non e' una novita', tutto regolare. Di solito a fine vasca simulo un pop-up, spingendo il body sott'acqua. In questo caso non era possibile e praticamente rischiavo di mettermi davvero in piedi. Ma non era ideale per via delle altre persone vicine. Ho trovato la W al limite delle misure in quanto ad ingombri nella corsia di nuoto.

Se non avete mai provato, e come me surfate una volta alla settimana, questo allenamento inizialmente vi risultera' abbastanza scomodo e crudele su spalle e collo. Dovreste iniziare con giusto una decina di vasche per poi aumentare col tempo.

Quindi, funziona?
Si, certo. Se non avete il mare sotto casa, remare in piscina e' l'attivita' migliore per prendere onde nel weekend. E non ci vuole un genio per capire perche'.
Ti piace?
Come strumento per allenarsi si. D'aspetto non molto. E probabilmente mi andrebbe meglio il modello O, piu' piccolo.
Stellette?
Gli do 3 stellette su 5.
Solo 3 perche' funziona, ma e' anche costoso e si puo' fare benissimo con un bodyboard da due lire, come ho fatto io.
Suggerimenti per allenarsi?
Remare! Anche piano. State lavorando sulla resistenza. Uno sprint di 3 secondi per prendere un'onda non e' un problema se potete remare per 20, 30 minuti senza fermarvi.
Lo compro?
Come detto dipende da te e dalle tue tasche.
Aggiungo solo che un oggetto soft puo' essere accettato piu' facilmente in piscina, al contrario di una tavola vera e propria.



10 January 2020

Back pain

I'm starting the new year on a low.
I've been a good few weeks now with a lower back pain (well, not really pain) that it's keeping me from enjoying the waves that are finally coming.

Also, I'd be ready to book a day at Urbnsurf, Melbourne, but since my back is betraying me, I really don't know what to do. Two years waiting the chance to get an overload of waves, to compare, study e get better in a short time.. and it's all in jeopardy now. WTF.

Keep calm and do your stretching is my current mantra.


-----


Beh, l'anno non sta' iniziando di certo alla grande.
Nelle ultime settimane un fastidio alla schiena mi ha rovinato tutto e la frustrazione e' ad alti livelli. Le onde, anche se spesso modeste, stanno finalmente arrivando e io vado col contagocce.

Sarei anche pronto a prenotare la mia giornata all' Urbnsurf di Melbourne ma questo acciaccio mette tutto in discussione. Due anni ad aspettare questo momento, una camionata di onde tutte per me, l'idea di potermi confrontare e studiare e provare a migliorare immediatamente.. e ora dovrei rimandare tutto in data da destinarsi. WTF.

Cerco di tenere la calma e di fare stretching ad oltranza. 

23 December 2019

Goodbye 2019

Well, 2019 is getting to a close.

This surfing year has been very good for the first 5 months, then it went crap.
Fortunately Saturday I managed to get some good waves, the first good waves in ages.
Hopefully I can get some more in the coming days.

See you in 2020!

--

E cosi' il 2019 e' pronto per andare in pensione.

Un anno surfistico iniziato benissimo e poi andato peggiorando sempre piu'.
Per furtuna sabato ho beccato qualche bella onda -finalmente- e forse replico a breve.
Dita incrociate.

Buon 2020!

18 December 2019

New Toy!

It's a 7.6, and it's the shortest board I ever got. Not sure if it's a good idea, actually. It's a all new world for me.
Let's hope to get some good waves soon.



E' una 7.6 ed e' la tavola piu' corta che abbia comprato. Non sono neanche sicuro che sia una buona idea. E' un territorio nuovo che implica una surfata piu' dinamica.
Speriamo solo arrivino le onde giuste per provarla.

03 December 2019

Skateboarding again

Since surfable waves are not part of this coast anymore, and I have some more spare time, I finally went back to my skateboards.

Thinking about the Carveboard I decided to try it out as they do in some surf-training videos.
So, instead of using it down a hill (such good fun) I used it to carve around some cones. It feels a bit weird. You go very slow and there's more rotations to be done.
Next time I'll try in a slightly steeper place to keep some a bit of speed after a turn. 
It's a nice challenge.

Then I also had the chance to install the harder coils on my Hamboards.
It was too much loose and kind of dangerous for my old ass.
Now it feels right, and you must push to make it turn. I like that. Just like in the Ocean.
Now I need to spend some time on it.

A bit of fun during these useless months.






Finalmente ho avuto modo di rispolvevare lo skate. Anzi, gli skate.

Sembra incredibile ma basta un attimo e i mesi passan via come niente.
Ad ogni modo, visto l'impossibilita' di divertirsi al mare (ancora), vorrei far qualcosa di utile.

Cosi', ripensando al mio Carveboard ho deciso di provare ad usarlo come in alcuni video di surf training: ho preso dei coni e li ho sistemati per girarci intorno, simulando un bottom turn sia front che backhand.
Una modalita' strana perche' a velocita' ridotta (rispetto alle discese che ci faccio di solito) e con una rotazione maggiore. 
Vorrei trovare un posto con un filo di inclinazione in piu' nel terreno per usare la gravita' come spinta dopo una carvata, cosi' da evitare di fermarmi poco dopo.
(e comunque spingere lo skate e' un'attivita' che andrebbe abolita).

Finalmente ho anche cambiato le molle (ordinate apposta) dell'Hamboards che trovavo troppo morbido e costituiva quasi un pericolo per camminarci. Ora e' bello duro come piace a me e per farlo girare bisogna spingere come con il longboard in acqua.
Ora dovrei dedicarmici un po'.

Divertente.

22 November 2019

The dilemma

In the picture some frames from the latest video released by Wavegarden in Melbourne. Specifically the intermediate wave, Malibu style.

That's what I want. That's my ideal wave. Not big, not small, just a lot of fun.
Sometimes I find it in Noosa or Coolangatta, but together with another 100 people.
So I can't wait to surf this for some hours, without interferences. 

Only, I have a dilemma: do I book it right or left?
Let me explain.
I'm goofy but here in QLD I surf 90% of the time the rights points.
So, if I want to get back in the ocean and feel any improvement, should I focus only on rights?
Or should I do 50-50?
Or enjoy the lefts and fuck it?






Intermediate wave at Wavegarden - Melbourne. Click to enlarge



Nelle foto alcuni frame dell'ultimo video rilasciato dal Wavegarden di Melbourne dove presentano l'onda per livello intermedio, stile Malibu.

Praticamente cio' che sogno ogni volta che vado al mare. La mia onda ideale. Non grande, non piccola, puro divertimento. Ogni tanto la trovo, specie a Noosa e Coolangatta, ma ci trovo anche 100 persone sopra, sotto, davanti, dietro, di lato, di su e di giu'.

Penso quindi che, appena possibile, o prima possibile, la prenotero' per qualche ora.
Solo che devro' decidere se farla a destra o sinistra.
Nel senso: sono mancino ma surfo 90% delle onde a destra, qua nei point destri della zona. Son tutte onde destre.

Che faccio? Come devo spenderli sti soldi?
Prenoto solo destre per fare il massimo in vista delle future andate al mare?
Faccio 50-50?
Me ne frego e faccio solo sinistre per scatenare finalmente il mio lato buono?


21 November 2019

The wind

It has been like this, all days, for weeks on end.

How can the wind not change for so long?


Forecast for the next 5 days. Again and again.

Fisso cosi', da settimane, senza fine.
Le fiamme non si placano, il mare non ci vuole.

Stento a crederci. Come fa il vento a non cambiare direzione per 60 o piu' giorni?


13 November 2019

The fire

Endless horrible conditions.
The same conditions that are now causing fires along the east coast.
People have lost houses, animals and life. As always in Australia, the size of events (good or bad) is mesmerizing.

Bad time and no relief in sight.


Red light through the fire smoke - it's bad.



Condizioni pessime senza fine.
Le stesse condizioni che hanno causato e continuano a causare incendi lungo tutta la costa est. 
Migliaia di persone evacuate, gente che ha perso la casa, le cose, gli animali e anche la vita.
Come al solito gli eventi naturali in Australia hanno dimensioni eccezionali. E cosi' e' l'emergenza attuale.

Un brutto momento di cui non si vede ancora la fine.  

04 November 2019

The line

The line, the queue, call it as you like.
This simple solution in the civilized world that gives order, pace and certainty to people.

That certainty that is missing from the line-ups, where the most skilled and aggressive surfers usually take most of the best waves while playing for position with others.
And where less skilled surfers are left waiting forever to catch something, also while chasing the best position with their peers.
It's a little bit like the survival of the fitter. The law of the jungle that the first white, anti-social, westerners surfers went along with back in the days. 

A modus operandi that worked when there were just a few surfers in the water, but that doesn't really respond to the problematic of properly managing a crowded spot, causing frustration around the globe.

And I think it must be for this reason that, in reality, most average surfers can't wait to use a wavepool. 
Because the wavepool gives certainty. It makes everyone equal and put everyone in the same line, waiting for their turn in a civilised manner, with the same right to surf the best possible wave available.
This is what the wavepool promises to give you, and the only actual reason why a surfer would pay.

And so, even though there's a lot of people that preach against the pools, there are even more surfers that are keen to pay and be put in a line.
If you think about it, it seems like a revolution.

Here's a few line from Stab Magazine in ths regards:

"Hierarchy in the line-up

This part was most fascinating. In the pool, people genuinely shared waves. There’s an order, but it’s not based on Darwinism, and everyone seems more polite and happier for it. This is all still new, but it did seem like this system reduced ego and that often-intimidating alpha male posturing that typically ranks the lineup. When you make this historically limited resource (waves) unlimited, surfers instantly become more palatable. "

See it for yourself here, or click on the pics below.



Click to enlarge

Click to enlarge



La fila e' sinonimo di civilta'. Quante volte noi italiani invidiamo i paesi del nord europa per le loro ordinate, chiare, semplici, file nei luoghi pubblici?
Nel mare dei luoghi comuni si suol dire: loro si che son paesi civili!

Ecco. Mi vien da pensare allora che nei line-up del mondo la civilta' non esista.
Non ci si mette in fila per prendere le onde. Le onde le prendono prima i piu' bravi, che passano il tempo a giocare al gioco delle posizioni per fregarsi la precedenza tra di loro, e poi, se qualcosa rimane, tocca a quelli via via piu' scarsi, anche loro in cerca di fregarsi a vicenda.  La regola del piu' forte sostanzialmente, ideata dai surfisti nullafacenti, ribelli ed ignoranti degli albori della cultura del surf in occidente.
Una pratica rimasta sino ai giorni nostri perche' siamo tutti un po' stronzi e fa comodo prendere qualche onda in piu', se capita, a scapito degli altri. 

Tuttavia, la frustrazione derivante da questa cultura di poca fratellanza, ed alimentata dall'aumentare dei praticanti, colpisce tutti a tutti i livelli. Siamo vittime di noi stessi, potremmo dire.

E deve essere per questo motivo che, a parte chi perde tempo a professare favole di illuminazione spirituale derivate dal surf, direi che la maggior parte dei surfisti attende con entusiasmo (o speranza) l'arrivo di una wavepool nel proprio paese.
Per essere chiaro, l'entusiasmo e' dato dalla certezza di potersi allenare come non e' possibile in mare, cioe' la certezza di avere un numero stabilito di onde tutte tue. E la certezza che pagando, nessun rompipalle ci impedira' di prendere la migliore onda possibile.
La cancellazione delle dinamiche del line-up e' in verita' alla base dell'unico motivo per cui avrebbe senso pagare per surfare.

Da un articolo di Stab Magazine quando hanno provato in anteprima la piscina di Melbourne:

"Hierarchy in the line-up

This part was most fascinating. In the pool, people genuinely shared waves. There’s an order, but it’s not based on Darwinism, and everyone seems more polite and happier for it. This is all still new, but it did seem like this system reduced ego and that often-intimidating alpha male posturing that typically ranks the lineup. When you make this historically limited resource (waves) unlimited, surfers instantly become more palatable. "

Ed ecco che i surfisti si mettono in fila, a prendere un'onda ciascuno, in ordine, senza stress, senza stretegie, a godersi il momento come in una comunita' civile.
E' una rivoluzione, a pensarci.

Guarda la fila qua, o clicca sulle foto.



21 October 2019

Proximity

When your only chance to surf is on weekends, it's easy to score a series of "no surf" conditions that translate into months of no action. Like now.
While I grow more and more frustrated, the local can still score some waves most days, during the week, at dawn, before doing other stuff.
I can't. 
They say: because I surf here every day, I have the right to surf it more than you.
You just have no idea how lucky you are. You talk as if it was a skill to be living there. But it's just luck. And luck is not a skill, nor a merit. Besides, I know ex surfers that once in the city, they give it up because "it's too far".
Well I do it. I've been doing it for years. And in all those commuting to the beach, I only missed a couple of surf if the conditions were good. 
Proximity.
I hate your stupid, random proximity.





Quando puoi surfare solo nei weekends, basta un attimo, un giro di vento sbagliato, una stagione strana come questa, per saltare intere settimane o mesi di surf.
E mentre la mia frustrazione va fuori scala, i locals possono comunque beccare qualche onda durante la settimana, appena il vento si placa, all'alba, davanti casa, prima di fare altro.
Dicono: siccome surfo qua tutti i giorni, ho piu' diritto di te di prendere onde. Come se fosse un merito vivere davanti al mare e non una assoluta serie di casualita'. Conosco poi alcuni surfisti che una volta traferitisi in citta', hanno lasciato perdere perche' "troppo lontano". La loro convinzione ed i loro "diritti territoriali" battuti dal dover guidare l'automobile.
Beh, io invece lo faccio. Da anni. E nonostante tutto, di belle onde nei weekend ne ho perse solo una manciata.
Prossimita'.
Io odio la vostra, sciocca, casuale, prossimita'.

14 October 2019

Happy fail

Busy period and bad conditions.

However.

However yesterday I got 2 small, fun waves that provided, unexpectedly, a mini-barrel.
The first time I thought to avoid it, but my feet wanted to ride it. I mixed my actions and fell.

The second time I saw it coming. I was going up and down the face of the wave in bigger and bigger turns, spraying water from the lip. And when I went completely down on the flat water and I saw the lip preparing for the tube. I knew it. I felt it. I needed it to control the stall and get back up and ride the mini tube.

But my body didn't know what my mind knew. I fell.

But I'm happy. Because I knew, and I was very close to ride a tiny tube after a series of turns and a stall.

What a great sensation.
What a good fail.





Periodo di impegni e di condizioni deludenti.

Tuttavia.

Tuttavia domenica ho preso due piccole onde che hanno poi fatto un micro/semi tubo di 40cm.
La prima volta d'istinto ho tentato di scendere, proprio nel momento in cui invece avrei potuto fare mezzo passo avanti e passare accovacciato indenne. Ho pensato di scendere ed i piedi hanno invece suggerito l'azione. Ho mischiato le due opzioni e sono stato travolto.

La seconda volta l'ho sentito arrivare. Coi piedi. 
Ho mandato la tavola giu' e su lungo la parete per diverse volte, con archi sempre piu' ampi, spruzzando l'acqua dalla cresta dell'onda al passaggio del mio tavolone. E all'ultima curva sono sceso completamente giu', ed ho visto il labbro sollevarsi ed ho capito che stava tornando, il tubo, tubetto, di prima. La tavola e' andata mezzo in stallo, perdendo la velocita' della discesa,, ed in quel punto ho visto. Ho visto che la piccola parete mi avrebbe ripreso e che sarei stato esattamente la, dove avrei duvuto accovacciarmi per passare oltre.

La tavola e' salita, ma il movimento di preparazione, immaginato, non faceva parte del mio archivio mentale. Ho sbagliato.

Ma son felice perche' ho visto, ed avevo visto giusto, e c'ero quasi. Non era solo una questione di passare quella sezione d'acqua verticale, era di arrivarci con uno stallo al terminde di una manovra.  

Un bellissmo fallimento. Un mattoncino per la prossima volta.


27 September 2019

Kelly is coming

Good news.
It seems that the Sunshine Coast will get a Kelly Slater wave-pool in the near future.
Now the problem with the existing KS's pool in California is costs.
On one hand it requires too much energy to run, and on the other hand the model is such that there's a significant waiting period between surfable waves. The water has to settle for some time before a second wave can be run with the expected quality. All this brings to cost up to 50k dollars a day, if you want to try it.

So the question is: do they have a solution for that?
Will it be a 2-sided pool like Wavegarden?

Time will tell.
Certainly, I need one right now to beat this persistent, horrible conditions..



People with a lot o money


Una buona notizia.
Sembra che tra qualche anno ci sara' una Kelly Slater wave pool in Sunshine Coast.
Ora, il problema con quella esistente in California, nata come prototipo, e' che costa troppo. Da una parte ha un consumo energetico molto alto, dall'altro il modello di fondale sul quale funziona costringe gli operatori ad aspettare alcuni minuti dopo ogni onda, per consentire all'acqua di quietarsi e garantire la qualita' voluta.
Attualmente tutto cio' porta il costo di affitto a circa 50 mila dollari al giorno, se la si vuole provare.

La domanda sorge dunque spontanea: hanno risolto questi problemi? E quando? 
Sara' diversa dal modello attuale e magari avra' due lati funzionanti come il Wavegarden?

Come al solito non resta che attendere.
Certo e' che ne avrei disperato bisogno ora, dato le condizioni schifose del mare che non accennano a cambiare.
Non sara' mai troppo presto.  


  

18 September 2019

The Exit of Shame


Looking at cool surfing videos you only see beautiful young people, surfing in beautiful, secluded places, sun shining all the time.
They are always bear chest, or in bikini, and they don't get skin rush from the wax. They have 45 people taking pictures from every angle. They rush to the water without stumbling, they jump on the surfboard and this one slides effortlessly all the way to the line-up. When they are done, they get back to the beach riding a wave and you can tell that their hair is still dry.

Well, I try to be cool but it's not possible.

I spend ages getting ready. I always wear something to avoid skin rush or chunks of hair being teared away from my chest. I put plenty of sunscreen on my face and neck and often even legs.
I don't rush to the water because with the leash I can stumble at the first step. I just walk and put down the board, gently. Then Neptune sees me and sends waves in my direction to punish me. When I finally get to the line-up I'm a wreck.

But the saddest part is getting back to the beach. The operation that my friends and I have called the Exit of Shame.

It's a natural gift that allows you to never get a wave to the beach. You end up paddling like a beginner.
It starts when you declare "I'll go with the next one". And at the point there's no next one. The ocean simply gets flat for hours on end, laughing at you. You can then paddle back in for a hundred meters. Or wait.
If you wait, the next set is crowded with 100 surfers going all directions regardless of rules. If you chose to go you know you'll get hurt, and then you'll have to paddle back with a lump in your head.
If you are lucky and you really get a wave, then it's a close-out. In 3 seconds, you are floating in the breaking zone, with the biggest wave of the month coming at you. After the punishment, you know there's no way you can get a wave in. You find yourself in a channel, with a side rip that it's taking you away from your landing point. And that's when you have to paddle not only back to the beach, but sideways with the last remaining strength in your shoulders.

Ice on the cake, if the shoreline is a bit steep and rocky, you don't forget to kick a rock with your foot and bump the board somewhere, just to lose the last bit of dignity in the eyes of your peers.

The exit of shame. That's what make a session memorable!
I'm a master.





I didn't try this style. Yet.





In italiano questo post si intitola:

L'Uscita Meschina

A guardare i video patinati di surfisti piu' o meno famosi, possiamo individuare queste caratteristiche.
Surfano solo in posti bellissimi, spesso remoti, e dove c'e' sempre il sole.
Fa sempre caldo, sono sempre a petto nudo (o in bikini) e non hanno sfoghi cutanei derivanti dallo sfregamento della pelle contro la paraffina spalmata sulle tavole.
Hanno 45 persone al seguito per fare foto e filmati da ogni angolazione possibile.
Entrano in acqua con la rincorsa, senza mai inciampare, saltando sulla tavola che scivola senza sforzo sino al line-up, e soprattutto quando escono, coi capelli ancora asciutti, stanno cavalcando un'onda che li porta comodomamente sin sotto l'ombrellone.

Ebbene, ecco, io ci provo, ma proprio non mi riesce.
Quando vado in acqua ci metto un'ora a prepararmi. Indosso sempre la muta o qualcosa di simile per non grattuggiarmi i capezzoli e strapparmi ciocche di peli dal petto e ginocchia. Mi riempo la faccia ed il collo di crema solare, e se sono in shorts, anche i polpacci.
Entro in acqua camminando piano perche' col leash alla gamba inciampo anche da fermo. Poggio la tavola sull'acqua e remo faticosamente verso il line-up. In due secondi il mare mi riconosce e spedisce subito un set infinito di onde anomale per brutalizzarmi e farmi desistere.
Arrivo alla line-up senza fiato e sconvolto.  

Ma la fase migliore e' quella che io ed i miei sfortunati compagni di avventura abbiamo ribattezzato l'Uscita Meschina.

Si tratta di un dono naturale, misto allo zampino di Nettuno, per il quale non mi risulta possibile prendere un'onda per tornare in spiaggia. C'e' anche il fattore dichiarazione a voce alta tipo "prendo la prossima ed esco" che influisce sulla meschinita' dell'uscita. Un attimo dopo averlo detto il mare diventa piatto per 40 minuti. A quel punto o remi (uscita meschina, modello base) o aspetti. Se aspetti, quando finalmente arriva il set, 115 persone si lanciano sulle onde contamporanemante in un clima da gabbia di leoni. Se ti butti anche tu sai benissimo che il disastro e' assicurato (uscita meschina con contusione). Se lasci passare, torna la piattura.

Ma se per caso, per distrazione di Nettuno, riesci a prenderne una solitara e' sicuramente un close-out. L'onda ti travolge o cadi da solo miseramente. E poi scopri che dietro sta arrivando l'onda piu' grande del mese che ti sconquassa le membra gia' troppo stanche. Finita la punizione ti ritrovi troppo lontano dal line-up, su un canale d'acqua alta che fa amosciare le ondine di passaggio e che ti trasporta di lato. A quel punto, se non vuoi essere pescato dall'elicottero come Fantozzi, non resta che remare non solo verso riva, ma pure di lato  controcorrente per evitare di spiaggiarti a 5km di distanza. 
L'uscita meschina puo' essere poi coronata da una battigia ripida e sassosa. A quel punto una gratuggiata di piedi e ginocchia, ed un colpo di tavola tattico, annulla anche l'ultima parvenza di dignita' agli occhi dei presenti.

Ci sono volte in cui la performance dell'uscita meschina e' cio' che rende memorabile o meno una sessione al mare.
Io sono un maestro.



05 September 2019

Change is coming

Forbes published an article about waves pools, stating that in UK wave pools have been the cause of a 40% increase of people practicing surfing, in 2 years.

Although we can discuss on those numbers and on what kind of surfers those pools are creating, at the moment there are 13 Wavegarden pools under constructions around the world, and probably another dozen using other patents.

Things are changing and the athletic side of surfing will be reshaped very soon toward new scenarios.
It is silly to say that that's bad. Like for every thing, changes bring opportunities, challenges, and move the culture forward.

Thing will be different. To what extent we can only speculate. 
Facing the change, silly persons cry out and are left behind, smart persons are curios and take whatever advantage they could. 
I wanna be smart. I won't get a new job, I won't get rich, but I will improve my surfing.


This pic belongs to Wave Pool Magazine



La rivista Forbes ha pubblicato un articolo sulle piscine ad onde, una idea datata che solo negli ultimi dieci anni e' diventata realta' grazie alla capacita' di calcolo raggiunta dai moderni cervelli elettronici.

L'articolo afferma che in UK l'attivita' del Wavegarden, aperta da alcuni anni, ha contribuito ad un aumento dei praticanti del 40% in due anni. Una cifra esagerata che probabilmente non rispecchia la realta'. Ma non mi interessano i numeri esatti, ne tantomeno discutere, come fanno gli haters, gli odiatori di mestiere della rete, sulla qualita' e sulle capacita' di questi supposti surfisti cresciuti, o che cresceranno in piscina invece che al mare.

Il punto e' che la gente ci va. E che in questo momento ci sono 13 altre Wavegarden in costruzione in giro per il mondo, ed un'altra dozzina pronta a partire con altri brevetti.
Il cambiamento e' in arrivo. E noi possiamo solo speculare su cosa sara' il surf tra 50 anni.

Ma e' sciocco lamentarsi del progresso. In ogni campo il progresso porta al cambiamento, all'adattamento, a difficolta', a dover capire, ma anche opportunita', nuove idee, ed evolve la cultura dello sport.
Davanti al cambiamento gli sciocchi piangono. Gli altri vanno avanti.
Io voglio andare avanti, nel mio piccolo. Invece di spendere i soldi per andare al mare, quando potro' spendero' i soldi per avere una decina o piu' di onde perfette tutte per me, su cui ripetere gli stessi movimenti, ed imparare, piu' in fretta, e meglio.
Non vedo l'ora.
Avanti tutta!


02 September 2019

Back home



The early forecast I posted was wrong.
The more the week progressed the smaller the waves became.
I ended up surfing 1-2ft at Greenmount on a beautiful, warm, stunning winter day.
Some waves were decent, and I had fun, paddling a lot compared to the last time in Sardinia. My shoulders were weak, and well before the two hours mark, I was done. 
It was the perfect day to go back in the water, regaining confidence with my board and managing my fatigue without facing killer waves.

Thinking back about Sardinia, I think my last 2 sessions were similar in the fact that conditions were just enough to surf. And still, it was completely different, and better, tidier, cleaner..
Sometimes I wonder how my fellow Sardinian surfers manage to learn at all. Adding to the poor conditions the long flat periods, the cold, the wind, I really don't envy them. But hey, they do deserve lots of respects!!







Le previsioni sono poi cambiate col progredire della settimana, e alla fine e' venuta fuori una classica giornata invernale, spettacolare, quasi calda, con piccole onde docili ed ordinate.
Ed ero contento cosi'. Ho potuto riprendere confidenza con la mia tavola senza avere stress, gestendo le forze carenti senza mai una volta combattere con le valanghe di schiuma dei giorni seri. 
Ho preso qualche onda decente sui 2ft, che mi ha dato delle brevi pareti con cui riprendere il filo del discorso.
Ho remato molto di piu' che in Sardegna e l'ho sentito. Ben prima delle due ore le spalle non ne avevano piu' e sono uscito. Avrei imprecato se le onde fossere state meritevoli. Ed invece sono uscito contento e pronto a scaldarmi come una lucertola al sole.

Pensando alla Sardegna, mi viene in mente che ho appena fatto due sessioni in condizioni simili. Cioe', in condizioni minime per riuscire a far qualcosa, sia la che qua. Eppure qua era completamente differente, piu' pulito, ordinato, onde piu' lunghe, piu' forti, piu'... meglio!
Spesso mi chiedo come diavolo facciano ad imparare laggiu'! Con quello che mi e' costato arrivare ad essere giusto decente, in Sardegna credo ci avrei messo 10 anni di piu', contando il freddo, le piatte infitite, il vento, la qualita'.. 
Non invidio i miei conterranei. So solo che si meritano tanto rispetto per i loro sacrifici!   


27 August 2019

Checking the forecast

Still in coma for the jet-lag I check the weekend forecast and I'm not sure if to be happy or worried.
After more than a month of inactivity I would have enjoyed small, lazy waves, but it seems like something kind of bigger is coming this way. The angle of impact will be the main factor.



Click to enlarge



Col cervello ancora annebiato dal jet-lag mi decido a guardare le previsioni per il weekend, e non sono sicuro se essere contento o meno. Dopo piu' di un mese di ozio avrei voluto giocare con onde tranquille, ma sembra che delle perturbazioni lontane spareranno di qua onde di una certa misura. Dipendera' tutto dall'angolazione reale.
Dovrei andare a nuotare ma sono cotto..


16 August 2019

Surfin Sardinia

I've always thought about surfing in Sardinia, my home-land.
Always wondered how it would be like.

After two weeks of completely flat conditions, and a week of strong wind, finally the right time came. And thanks to my old friend Vincenzo Ganadu, who gave me a surfboard and introduced me to the area, I finally got my chance.

How is it?
Well, I can only speak about the small day I've found yesterday.
The waves were familiar.They were the same waves I played with when I was a kid. They break very soon and then roll without fury to the the beach. They pretend to be big and tall, but they never betray you or give you surprises. They are simply docile.

I heard stories about epic spots and conditions, and I believe them. Pictures and videos are all over the internet. I understand for the locals those special, rare, cold,  winter days, are things out of fairy tales. But I don't crave for them. Maybe one day I'll see those conditions as well. Meanwhile I'm satisfied. And I'm already thinking about my warm, powerful Queensland waves.

Yesterday the surfboard felt very different. It was a bit shorter than mine, fatter, narrower, with round rails and with no enough wax! Also it was a single fin that I never use and had a weird weight distribution that required being way on the back for the pop up. My feet were sliding and my hands lost grip all the times.
Nevertheless, thanks to the complete absence of competition in the line-up, I had plenty of waves. Most were disappointing. Some, both left and right, gave me a small wall to play with. Those were the moments when I really missed my surfboards. I wanted to do stuff, do do more, but it wasn't possible.

The spot was small and there were enough people to make it  crowded. But the people around me were shy tourists (maybe fearful?), funny kids, and adult locals who mysteriously were on shortboards.

I don't understand the italian love for shortboards. It could be a matter of fashion, shortsightedness or ignorance, I simply don't know. But thanks to that, I had to let waves go or I would have been on every one. Strange thing. But I also have to say it was very enjoyable to feel like everyone was having fun and being relaxed.

I made good memories.



Driving at dawn. This curse follows me!
 
One of the 2 spots working. Getting smaller and smaller as the morning progressed.
By midday the wind was back.

Such a beautiful place!


In questi anni ho sempre provato una certa insoddisfazione per non aver mai preso un'onda nella mia isola.
Com'è? Mi son sempre chiesto, cercando di carpire informazioni da chi ci era stato.

Finalmente questo piccolo desiderio si è avverato.
Dopo due settimane di piatta inverosimile, ed una di vento inverosimile, alla fine è arrivato il giorno giusto per provare. Grazie anche ad un vecchio amico, Vincenzo Ganadu, che gentilmente mi ha dato una sua tavola e introdotto alla zona, ho finalmente remato tra le salatissime, odorose onde sarde.

Com'è?
E' impossibile dare un giudizio dopo aver visto così poco. Però posso dire che ho riconosciuto le onde della mia infanzia. Quelle con cui giocavo a Rena Majore. Onde che hanno fretta di rompersi e rotolano senza ferocia sino a riva. Che magari ti travolgono, ma non ti brutalizzano. Onde che fan finta di esser grosse ma che una volta sopra non ti presentano il conto a sorpresa.

Ho sentito racconti di condizioni speciali, spot particolari e momenti magici.
Ci credo. Si vedono le foto in rete di quei giorni dove le stelle si allineano. Immagino che per chi aspetta,  in questa isola di vento e rocce, quei giorni, freddi, debbano essere speciali come le mareggiate di Waimea Bay raccontate da Greg Noll. Magari un giorno capiterà di vedere anche quelle onde. Per ora non ho desiderio in quel senso. Il mio animo è placato.
Penso già alle onde che mi aspettano in Queensland.
Quei muri inesorabili che spingono come treni e ti inebriano.

Ieri la tavola sotto i miei piedi era alquanto diversa da ciò a cui sono abituato. Era leggermente più corta delle mie, più stretta, più spessa, coi rails tondi, con una strana distribuzione del volume per la quale dovevo stare molto indietro per partire, ed un monopinna che non uso mai. Ed aveva perso quasi tutta la cera!
Ogni tanto i piedi mi scivolavano, le mani perdevano la presa, era stranissima da girare.
Nonostante ciò, complice la completa mancanza di competizione in acqua, ne ho preso in quantità. La maggior parte erano deludenti. Alcune invece, sia destre che sinistre, mi hanno regalato una parete di 40cm con le quali ho potuto interagire sino alla spiaggia. Erano quelli i momenti in cui ho fortemente desiderato la mia tavola, a cui avrei potuto far fare dei giochini più interessanti.

Attorno a me c'erano timidi turisti, semi debuttanti e rispettosi (intimoriti?). Ragazzini del luogo scatenati e divertenti. E locals adulti, probabilmente bravi (non ho dubbi), che però stavano sulle solite, ridicole shortboard, per le quali non era ovviamente giornata (ovviemente per me). 
Perchè i giovani, pimpanti italiani snobbino il long è un mistero. Cecità, ignoranza, moda, non saprei.
Fatto sta che mentre in una situazione simile in Australia (piccolo spot, tutti vicini) avrei faticato e prenderne due, ieri lasciavo passare i set per riposare le spalle fuori forma e non fare l'ingordo.

Contemporaneamente la rilassatezza di tutti, e questa mancanza di competizione* è stata una esperienza nuova, sorprendente e bellissima.

Un bel ricordo da portare con me.


*non mi illudo che le cose siano così quando il gioco si fa serio..