18 July 2018

No leash, not a good idea

It seems that The Pass, in Byron Bay, is badly affected not only by the crowd, but also by those who surfs without leash.

The article in the link says that the number of incidents is raising and that locals are asking for legal consequences for those who loses their boards.
I agree.

Firstly because most of those longboarders are just acting as if they were in the 60s and they accurately dress up to give a very specific image of themselves: something like eremites looking for karma. Everything in them, sons of social media, is fake to my eyes.

Secondly because their senseless egocentrism can badly hurt the others. It is not acceptable. And after all, if you are looking for karma and the perfect wave, you shouldn’t be in the most crowded spot of the coast. Australia gives you plenty of empty, beautiful alternatives.

The girl cited in the article got some broken ribs and a punctured lung! This is just not acceptable.
This implies medical expanses, x rays, weeks of pain and possibly loss of income.
There’s no justification.



this pic belong to its owner



A quanto pare a The Pass, Byron Bay, paradiso del longboard, c'e' una invasione di persone che surfa senza legrope.

Si tratta di un "ritorno alle radici" di chi pratica il longboard, che per il proprio gusto personale, sceglie di mettere in pericolo tutti gli altri. 

Il problema e' presente un po' ovunque ma essendo Byron un posto affollatissimo, gli incidenti si moltiplicano, e i locals, gia' esasperati dall'invasione di stranieri, ora chiedono che surfare senza legrope diventi una offesa da codice civile.

Io concordo.
Da un lato, essendo gli anni 60 passati da 50 anni, non sopporto vedere gente nata ieri che si veste, concia ed atteggia da frichettoni per sentito dire, alla finta ricerca del karma, e che documenta tutto sui social. Gente finta come i dollari del monopoli.

Dall'altro mi sale l'embolo al pensiero di essere vittima di un incidente causato da questi imbecilli, che se proprio devono trovare il karma potrebbero andare a farlo in spiagge deserte (ed in Australia c'e' l'imbarazzo della scelta) invece che in posti affollati come il Colosseo.

L'articolo riporta l'esempio di una brasiliana alla quale una tavola persa ha rotto alcune costole e bucato un polmone! Io penso che in questi casi una scusa non basti. Qua si dovrebbe risarcire il danno: visite medice, lastre, settimane di dolori, assenza da lavoro.. 

Non e' accettabile.

28 June 2018

Gender disparity

The picture here is about the Billabong Pro Junior series in Ballito, South Africa.
As you can see from the numbers, the girl won half of her male colleague.
Honestly, it's disgusting.

And a lot of people on social media thought the same, flooding the organisers with messages of protests and hate.

The guys of the contest explained that gender discrimination had nothing to do with the money prize, and that it was calculated solely based on the number of inscriptions/participants in the male and female contest. With males outnumbering the female competitors.

While the explanation makes sense, I still wonder why there's such a distinction.
I agree on the fact that they should have 2 separate contests in order to give the female participants the same chance to win (not because of abilities, because of numbers and probabilities).
But why splitting the money prize of 1 category (Pro Junior) in 2 uneven fields?
Why making things so that you have a class A winner and a class B winner?

I'm not checking on google, but I bet it's all the same across all sports and all categories around the world.
Well, that doesn't make the issue less relevant.

That picture is disgusting.
It's about time to make things differently.




La foto che vedete, relativa alla premiazione del Billabong Pro Junior series in Ballito, South Africa, ha creato molte polemiche sui social.

Sinceramente anche io, se l'avessi vista per tempo, avrei provato disgusto per la differenza in premio al vincitore maschile e femminile. Verrebbe da vomitare.

Gli organizzatori della competizione, travolti dalle ire della gente sui social, si sono affrettati a spiegare che il premio e' dato dalla somma delle iscrizioni dei partecipanti. E poiche' c'erano, ed in generale ci sono iscritti piu' maschi che femmine, ecco data la differenza.

Una spiegazione apparentemente esauriente.

Se non fosse che, a mio parere, la foto con quelle cifre belle in mostra continua a farmi schifo.
Allora mi chiedo: perche' dividere le iscrizioni tra maschi e femmine? Mi sta bene che ci siano due gare distinte, perche' dato che i maschi son di piu', e' piu' probabile che vincano la maggior parte delle gare. 
Ma la categoria Pro Junior e' una. Perche' non sommare tutte le iscrizioni e dividerle in parti uguali tra i vincitori?
Come puoi avere un vincitore che vale il doppio dell'altro?

Ora, senza neanche guardare su google, son convinto che questa discriminazione si applica a tutti gli sport, a tutti i livelli.
Ma questa non e' una giustificazione.
Sarebbe ora che le cose cambino.

Potete dirmi quello che volete, ma quella foto fa schifo.


21 June 2018

Crying at the office

When you check the surfcam and get stabbed!  :o
I didn't even press play.. I was already crying..




Quando arrivi a lavoro e prima cosa controlli le webcam in attesa del sabato.
E ti prende un colpo al cuore ancor prima di premere play! :o


18 June 2018

Winter

I love Queensland winter.
I love surfing.

how can you not want to be there?


I love the Gold Coast.
I love Australia.



10 June 2018

Billabong Poncho - Review!



It's time for another review.

This time we talk about the Billabong poncho in the pictures.

You may think of getting one for those winter days, right?
To get back to the car and dry up staying warm enveloped in your fancy poncho. Also you can take off your stuff from underneath it and get changed.
Or at least this is what you could think..
Wrong!

This is probably the most stupid "surf gadget" you could ever get.
Everything here is wrong.
I don't even know how the fuck you can get it so wrong. Probably by not being a surfer and not wearing it, never?

First, when you put it on your head do not fit into the hole!
Imagine if you were surfing in a very cold place! You'd have to tear your frozen hears to put it on.


Second, this poncho has no sleeves!
Ok, technically ponchos have no sleeves, but they cover you completely. Clint Eastwood had to move away his poncho to fire his gun.

 
So, why this thing has 2 massive holes instead? The holes for your harms are soo big that you still freeze while wearing it.
Why? Who decided the measures for this product? Who is the genius? What the hell?
This thing does not protect you from wind and being cold. Fail.



But you can still get changed easily with it, right? Wrong.
The poncho is so short that you actually expose you balls in the carpark as soon as you lift your leg!




So, let's wrap up this review, shall we?

Vote: 1 star out of 5
Does it work?
Not at all.
Do I like it?
Not at all.
Would I recommend this thing?
Never.
Any suggestion?
Save your money.

--------




E' tempo di proporre una nuova review.
Questa volta vi parlo del poncho della Billabong in foto.

E' uno di quei prodotti che non e' essenziale, ma a vederlo uno pensa: in inverno non sarebbe male essere avvolti al caldo e potersi cambiare in scioltezza.
Eccome no..
Questo e' uno dei gadget (definiamolo cosi) piu' stupidi che abbia mai visto.

Prima di tutto il buco della testa e' cosi' piccolo che sembra uno scherzo. E tenete presente che io sono piccolo e mezzo pelato. Se surfassi con i connazionali dello stivale, in inverno, dovrei strapparmi le orecchie gelate per infilarlo!


Secondo, i buchi per le braccia sono cosi' larghi che anche indossandolo avrete freddo uguale. In ogni manica ci stanno 3 braccia. I poncho ti dovrebbero coprire tutto, anche le braccia. Zio Clint doveva spostarlo per sparare!


Invece questo, quando lo indossi hai freddo uguale.



  La domanda sorge spontanea (cit): ma chi cazzo l'ha disegnato? 

Direte vabbe', almeno mi posso cambiare al volo. Sbagliato.
Sta cagata e' cosi' corta che appena alzate una gamba avete le palle all'aria! 
(che poi essendoci freddo, fate pura una brutta figura..)


Insomma questo poncho e' una cagata pazzesca.
Voto: 1 stellina su 5.
Funziona?
No.
Mi piace?
No.
Lo raccomanderesti ad altri?
Neanche per sbaglio. 
Consigli?
Risparmiate soldi.


31 May 2018

Wavepool near Brisbane

It seems Brisbane and the Gold Coast will have a wavefpool as well.
Unfortunately things are going very slow for this project.
C'mon, everybody, we don't have hundreds of years!

All the details here:
Webber wavepool




Sembra che anche Brisbane -e la Gold Cost- avra' la sua wavepool.
E' una buona notizia. Spero solo che si muovano a realizzarla. Qui si invecchia e non si puo' aspettare anni! :)
Dettagli qua.

22 May 2018

Having fun at the beach break

I never consider surfing at the beach breaks.
But when it's the only option..

Flat is never really flat :)








Normalmente i beach breaks non li considero neanche.
Ma quando i miei amati points sono piatti, allora ci si accontenta. :)

09 May 2018

Wave pools? Yes, at one condition..

I'm in favour of wave pools.

I don't get those who keep saying it's rubbish. I think most of those comments are just haters having fun, and the rest is people who argue about connection with the ocean and other fairy tales. They are the same surfers who won't ditch wax for alternative solutions because "waxing is part of surfing" (?), and so fuck the ocean.
Perfect reasoning.

One one side, I think that wave pools are a natural progression of the sport. It's just logic. And on the other hand, there's an element which for me is fundamental in the debate: wave pools introduce an environment where everybody is equal.
The great, real, fantastic, underestimate characteristic of surfing in a pool is that there's a virtual waiting line that surfers have to respect.
Everyone in the line has the same right to surf a great, perfect wave on his/her own term.
Do you understand what I'm saying?
It's the end of the rule of the jungle that manages the line-ups around the world, and the beginning of equality.
No bullies or dickheads could prevent any humble, Sunday surfer from surfing the best wave available. And have fun in safety.

Sometimes I wonder if this is the real reason why many surfers seem to be against wave pools: equality! Same waves, same number of waves, same waiting periods for all.

Now, the tragic thing is I just found out a new wave pool technology (by American Wave Machines) that makes all the usual marketing promises, with a very distinctive characteristic:
'PerfectSwell® runs with no lines, wave count limits, or rules other than traditional surf etiquette'.

I can't believe my eyes! Are this guys for real?
So, they will let overcrowd the pool and let the surfers to work it out for themselves!?
Do they really want someone to pay a ticket to watch the bullies surf?
No wave counts limits means exactly that if you fight your way through, you can catch whatever wave you want.

I'm speechless.
I think they are missing the exact reason why everyday surfers would pay for it: waves guaranteed for everyone.
Honestly, I can't believe this model would work.
Wave Pools are not a reality yet, and  surf-rage is already part of the game?
Seriously?

So, I'm in favour of wave pools, at one condition:
no bloody line-ups in them.


This pic belongs to AWM


Sono favorevole alle wave pools.

Personalmente non capisco quelli che si stracciano le vesti all'idea, e penso che molte argomentazioni contro siano fragili come l'argilla e comunque non sincere.
Ed in piu' tantissimi si appellano al contatto con la natura e altri concetti simili, quando quasi tutto cio' che queste persone fanno per surfare fa male all'oceano e all'ambiente: tavole, mute, leash, benzina, crema solare, cera.. tutto.

Al contrario, io sono pro piscine perche' penso che consentano di praticare il surf in sicurezza -per tutti-, e sopratutto hanno la reale possibilita' di annullare la legge del piu' forte che vige nelle line-up, introducendo invece il principio di eguaglianza che chiunque -nei paesi avanzati- si aspetterebbe in merito a qualsiasi attivita' sociale.
In una piscina ad onde ci si mette 'in fila' virtuale e tutti, potenzialmente, possono surfare le onde migliori possibili. Senza che nessuno abbia il potere di precludare la magia di un onda perfetta a chi surfa meno.
La piscina ti da accesso ad un'onda di qualita' da provare piu' e piu' volte in perfetta uguaglianza, come il migliore dei surfisti. Senza bulli, idioti e locals a fare proclami.

Questa e' la vera rivoluzione del surf in piscina: uguaglianza!
Questo e' il motivo per cui io pagherei serenamente un biglietto per farlo.

Ma mi arriva ora invece una doccia gelata. Scopro un dettaglio che mi fa subito cambiare idea e che spero non si avveri. Ovviamente si tratta di avidita' umana.

Spulciavo qua e la il sito dell'American Wave Machines, super pompato in questi giorni, dopo aver rubato la scena ai pro nella piscina di zio Kelly. Si prospettano nuovi orizzonti per le piscine ad onde: nuova tecnologia, onde migliori e traduardi piu' ambiziosi.
Ma scopro che promuovono una piscina ideale dove le onde -testuale- 'non avanzano in linee, non c'e' un limite per il singolo surfista, non ci sono regole se non quelle delle line-up'.

Ecco qua il vero disastro.
I businessmen americani hanno gia' trovato il modo per rovinare tutto.
Nessuna regola, nessun ordine stabilito nelle loro piscine. Nessun limite al singolo surfista.
Tutti dentro, e poi cazzi vostri se non riuscite a prendere un'onda per colpa del traffico. L'importante e' pagare.
Ma vi immaginate in un ambiente limitato come una piscina quanto piu' facilmente si possano scaldare gli animi?
Ma veramente questi vogliono ricreare anche il peggio del surf?
Come possono non capire che l'unico motivo per il quale qualcuno possa pagare un biglietto e' la certezza di surfare un tot di onde stabilito?

Le piscine ad onde rappresentano una opportunita' unica per molti, e sono ancora lontane nel tempo per quasi tutti, come miraggi.
Ma l'avidita' pare aver gia' cambiato i termini del gioco.

A queste condizioni allora dico no anche io.
Non per la perdita ipocrita del contatto con la natura, ma per la perdita di un'opportunita' di uguaglianza mai esistita nel surf.

Al line-up autogestito in piscina dico no. Neanche per sogno.
Non ha senso.

30 April 2018

2 faces

The purchase of the noserider meant 'change' for my surfing.

I didn't know what to expect and how long it would have take me to learn to noseride.
But I felt ready, and in fact walking on the deck and nose ride has been a nice and fairly simple task. Don't get me wrong. I may look like a crab and my nose rides are nothing memorable. But I' doing it.

The point is the new board rides so differently from my progressive longboard.
It is like asking me, bagging me for a bottom turn, trim, and straight to the nose. All the time.

This is opening new realm of awareness, I would say.
My feet feel the board and I adjust to it. One board wants to go up and down, wants speed. The other wants to glide forever.
I'm kind of re-learning my approach to waves. But it's not always automatic to switch. One problem I created is that sometimes I go for a bottom turn when using the progressive board on a steep wall. And I fuck up the wave because it takes so long to go down and turn that the wall is already closing on me. While in the past, on a steep wall, I always kept the board up high for the first second or two.

On the opposite, last Saturday I managed to push the noserider up and down the face a few times. The board felt very stiff, but I kind of forced it into it.

I'm happy because, in the realm of the recreational surfers, I feel I'm at a decent point. And now my brain is working on this new differentiation that adds "things" to my surfing. I already feel a bit more complete.

Surfing is good. :)


This pic belongs to waveanatomy



L'acquisto della noserider ha significato cambiamento.

Non sapevo cosa aspettarmi ma mi sentivo pronto, ed infatti camminare e stare sul naso e' venuto subito abbastanza naturale. Lo facevo gia' anche con l'altra in fin dei conti. Non che sia bravo. Probabilmente sembro un granchio ubriaco, ma non importa.

Cio' che importa e' che sono diventato piu' cosciente di cio' che faccio.
I miei piedi sentono la tavola e mi aggiusto ad essa. Una tavola vuole velocita' su e giu' per la faccia dell'onda. Un'altra vuole puntare dritto in perenne trimming.
Surfo in maniera diversa in accordo con la tavola. Ne sono felice. Ma creo anche problemi. Qualche volta mi trovo a puntare giu' per il bottom turn mentre sono sulla progressive ed un muro verticale gia' si chiude su di me. In passato non l'ho mai fatto. Sono sempre stato in alto per i primi secondi di un'onda ripida e veloce.
Sabato invece ho mandato la noserider su e giu' la faccia dell'onda come faccio con l'altra. Ho dovuto spingere. Non voleva!

Sono contento. Sento che le due tavole mi stanno costringendo ad essere piu' consapevole delle cose. Ed il repertorio si fa un poco piu' completo. Nell'insieme dei surfisti della domenica mi sento ad un punto di sana decenza.

Com'e' bello surfare. :)


12 April 2018

Never Say Never


I came across this nice book by Nat Young titled Surfing Fundamental.
As I was flipping the pages I ended up on one about surfing pools.

No matter the topic, but when I hear ‘it will never happen’ I shake my head. Not because I know best, but because ‘never’ is such a definitive word that it doesn’t really apply to many things. Especially if it’s about humans and humans related ‘things’.

These days I hear a lot of ‘never’ associated with electric cars, for examples. Wherever you read comments, there are too many ‘difficulties’ for the common man to be able to accept the idea that electric cars are really coming.
I don’t know why. Or better, I know it (instinctive fear and refusal of changes), but I will never really understand it.

So, here we are. Nat Young sharing his wisdom on surfing and saying that surfing pools will never deliver. Just because 20 years ago nobody had the technology, the money and the interest in making it work. Funny enough, Nat young is being proven wrong by his own -and most celebrated professional surfer- colleague.

Just don’t say ‘never’ man!



Never Say Never Nat!



Curiosavo tra le pagine di questo piacevole libro di Nat Young intitolato Surfin Fundamental, e sono incappato in una pagina dedicate al surf in piscina.

Al di la dell'argomento, mi viene l'orticatia quando qualcuno dice che una determinata cosa o fatto non succedera' mai. Specie se si tratta del genere umano e delle sue azioni. Perche' 'mai' ha una connotazione cosi' definitiva, universale, che non puo' possibilmente essere accostata all'immensita' del tempo. 

Al giorno d'oggi, per esempio, leggo ovunque commenti contrari all'arrivo dell'automobile elettrica. Per il lettore medio e' troppo 'difficile'. Troppi ostacoli. Come dover preparare le stazioni di servizio (ricarica) intorno al mondo. Un argomento surreale. Mi immagino le stesse persone un secolo fa dire: l'automobile? non funzionera' mai! E poi devi costruire strade ovunque! Impossibile! E la benzina dove la trovi? Impossibile! Stessa cosa.
(E comunque le auto elettriche stanno arrivando, statene certi. Basta leggere)

E' un atteggiamento comunissimo che non capisco. Si, si tratta di rifiuto e paura del cambiamento. Ma dentro di me rimane un mistero.

E cosi' il buon vecchio Nat ci dice che le piscine ad onde non funzioneranno mai.
Solo perche' quando ha scritto il libro nessuno aveva l'interesse, i soldi e la technologia e la voglia per provarci.
Sorrido al fatto che proprio il suo sucessore piu' illustre sta invece trasformado completamente lo sport. E' solo questione di tempo ormai.
Sorrido soddisfatto e penso: ma perche' cazzo non avrebbe dovuto mai funzionare? e' solo questione di fisica e soldi.

Morale: semplicemente non usate il 'mai', o la sparereste veramente grossa.




05 April 2018

A lot of waves (that I don't surf)

2018 has been very good so far, in terms of delivering waves.

Cyclones and other weather combinations have send constant waves for weeks and weeks.
But life gets in the way and I'm missing out on a lot of occasions.

Ice on the cake: the Commonwealth Games in the Gold Coast are only making things even more complicated.   :(

Noosa is pumping today. And I'm stuck here.
Saturday will be mayhem.. but Saturday is the only change I got. 

Sad.



Noosa at noon today. Until 10am it was empty!
How it will look like this Saturday??


Il 2018 sta regalando onde a palla. 
Tra cicloni e combinazioni meteo favorevoli, ricordo giusto un weekend di quasi piatta.

Il problema e' che ne sto raccogliendo una frazione ridicola.
La vita si mette in mezzo e mi complica tutto. Ho anche una certa stanchezza addosso.
Aggiungi i Commonwealth Games in corso in Gold Coast, ed gli ostacoli si fanno muro.

Noosa, a nord, oggi pompa. Incredivile. E io guardo dal computer.  :(
Sabato sara' un circo. Ma e' anche l'unico giorno buono per me.
Che devo fare?

Tristezza.

21 March 2018

Ghost

I'm a stubborn person. That's what I learned so far.
Like a rock, we said around where I come from. It sounds both a good thing and a bad thing. And it's both.

The problem is mixing it with the addiction that surfing causes.

As mentioned several times, living far from the beach means a continuous, never ending, tiring bargain process with people, commitments and life in general. 
I fight, virtually, with everything, even with myself, in order to get my weekly wave fix. And on average, I end up going and surfing alone most of the times.

I love surfing with friends, but there's nothing I can do.

I wake up early, and question why I do it while having a silent breakfast. I sneak out like a tired cat. I drive the car in complete silence since the radio has always been broken. 
I curse the traffic, and think about life challenges, and surfing. I follow my complex and random chain of thoughts. In silence.

I desperately search for a car spot. I comfort myself if the surf is bigger than expected, or insist on getting in the water if it's smaller. I check other people's boards, and aspects. And check the girls in general as default mode. But it's all in my head.

I search the best paddle out path. I take the waves on my head. I pant. I take position in the line-up. I don't say hello. I may g'day someone if we make eye contact.  

I surf. I think about my mistakes and try to re-live the good moves. I curse. I enjoy it. I stay silent.
I watch the others.

I check the time. I take the last one. And a couple more. And just another one. Then I go back to the car. I comment on the day while I do everything in reverse. In silence. Usually I'm in a hurry so I don't take pictures.

I drive back and I'm again alone with my thoughts.

Sometimes it feels like I'm a ghost.
But I'm stubborn. I want to surf. I repeat this routine of road trips, waves and silence endlessly.
For me. Just for myself. Stubborn and selfish. My ego and my need. 

But sometimes I wonder why I'm doing all this. Is this a reward or a punishment? I could argue for both.
I don't know the answer. Must be a reward. I hope.



'Lonely wave' by Unitoone on DeviantArt



Se c'e' una cosa che ho imparato di me stesso, e' che sono cocciuto.
Ho la testa dura. Come una pietra, direi, pensando alla mia sardita'.

Da quando il surf mi ossessiona, faccio il possibile per surfare sempre. Ossia tutti i weekend. Come accennato in altri post, cio' comporta perenni trattative con le persone che mi circondano e con la vita in generale. Ma non mollo.

Quasta congiunzione di cocciutaggine e compromessi da fare manipola la mia esperienza col surf tanto da poter dire che probabilmente piu' del 60% delle volte vado in acqua da solo, a probabilmente quasi altrettanto viaggio da solo.

Nel senso che anche gli altri intorno a me hanno i loro cazzi, e spesso soccombono ai loro impegni. Io, che invece egoisticamente, cocciutamente non voglio rinunciare, e lotto, anche con me stesso, spesso vado solo.

Mi alzo presto chiedendomi il perche'. Faccio una colazione frugale ed in silenzio. Esco come un gatto -invecchiato- e mi metto alla guida in completo silenzio, avendo l'autoradio morto da sempre.
Vago e mi perdo nei miei pensieri che spaziano dalle bestemmie per il traffico ai problemi del mondo. O miei, ovviamente.

Cerco disperato il parcheggio. Valuto le onde. Mi faccio coraggio da solo se e' piu' grande del previsto, oppure mi esorto a non vanificare il sacrificio che ho appena fatto se e' piccolo. Entro lo stesso. Questa e' la parola d'ordine.

Guardo i culi delle ragazze in spiaggia, le tavole e l'aspetto di quelli che si preparano o di quelli che hanno appena finito.

Remo, mi prendo le onde in faccia, valuto, mi viene il fiatone, prendo posizione sulla lineup sempre in silenzio. In Gold Coast e' sempre inevitabilmente affollato, ma siamo tutti locals per frequentazione, non per residenza. Questo per dire che non saluto nessuno. Resto nel mio silenzio. Nessuno si aspetta un saluto. Non che ci sia tensione in acqua. Almeno non dove vado di solito.  Semplicemente non e' cosi' che funziona.
Qualche volta interagisco, capita. Ma poca roba.

Valuto, faccio il noioso gioco della posizione con gli altri, gioisco e bestemmio per le mie cavalcate. Ragiono sull'errore o cerco di visualizzare cosa ho appena fatto di bello. Imploro pieta' quando le onde mi fregano nell'inside, ma non ho nessuno a cui fare un segno, per dire che non sto affogando. Non ancora.
Guardo il cielo e i palazzi in lontananza. I culi delle surfiste.
Commento e ragiono tra me e me. In silenzio.
Prendo l'ultima onda. Poi alcune altre. Poi giusto un'altra. Poi giuro, l'ultima.
Esco. Mi cambio. Rifaccio tutto al contrario e salgo in macchina a bollire.
99.99% delle volte ho fretta e non faccio neanche una foto.

Mi vien da dire silenzio e oblio.
Alle volte mi sembra quasi di essere un fantasma.

Ma surfo. Non mi fermo. Ripeto all'infinito questa routine di viaggi, onde e silenzio.
Per me. Solo per me. Egoisticamente solo per me. Continuo, cocciutamente. 

Qualche volta mi chiedo il senso di questa sorta di alienazione.




15 March 2018

Pros, go away

So this week there's the Noosa Surf Festival on one side, and the Quicksilver Pro at the other end.
The 2 best spots are taken.
Add the effects of the short lived cyclone Linda on the open beaches in between those two locations (big swell, erosion, strong current, strong winds, beaches closed everywhere), and you get the picture of how frustrating this period has been.

Honestly, I don't enjoy those events. They just maximize the crowd problem everywhere. And I only care about surfing. I want to be the one surfing. I don't care watching the others.

The pros should be able to wrap up the contest today. Thanks the lord.
I hope Saturday will give me some joy!


The contest being held at Kirra today. Crowd watching from the rocks..


Vedo sui social media gente eccitata ed entusiasta per via del world tour che riprende in Gold Coast.
Per me e' da sempre (da quando surfo si intende) una grandissima rottura di palle.
Le onde migliori occupate da gente che surfa tutta la vita, tutti i giorni, le onde migliori.
Poi quest'anno le date si sono accavallate con l'altrettanto snervante Noosa Surf Festival, a nord. Aggiungete gli effetti del declassato ciclone Linda, che ha reso quasi insurfabili tutte le spiagge nel mezzo alle due localita' impegnate coi contests, ed ecco dieci giorni pieni durante i quali io non ho speranza di combinare una mazza. Nonostante le belle onde!

Non so cosa ci sia di eccitante all'idea di vedere questi surfisti elitari fare i loro comodi a tuo discapito.
Per me Marzo e' sempre sinonimo di rotture di palle.
Vedo gente brava, in acqua con me, continuamente. Gente che mi fa sempre sentire un passo (o due, o tre) indietro. Non ho nessuna voglia di stare a guardare dalla spiaggia altra gente che surfa al posto mio.
Io voglio essere quello in acqua.

I pro dovebbero concludere oggi. Spero che si tolgano dalle palle in tempo per potermi divertire questo sabato.

08 March 2018

Alone

Roughly once a year I manage to surf alone in a normally crowded spot.

It happens because the swell is so, so small that 99% of people don't even botter.
I'm the 1%. 
And I love it.

It's not the size of the wave, but it's the steepness that makes you move.
With a longboard you can catch 10cm waves if they are steep enough.

Yes, true, you can't do much on 10cm, but a bigger set always come.

So I went to Cabarita this time, a more exposed spot, to catch all the possible ripples of Lake Pacific.
There were 1ft waves coming up just in front of the rocks in between the beaches. Nobody bothered. I went in.
10 meters rides. One after the other. 1ft waves with the odd ones at 2ft.
Pop up, bottom turn, cross steps to the nose. Over and over.
I lost count.

So much fun.

Some hours later with a lower tide
Qualche ora piu' tardi con la marea in uscita


Circa una volta all'anno, o quasi, mi capita di surfare da solo anche se mi trovo in spot notoriamente affollati.

Capita perche' lo swell e' cosi piccolo, ma cosi' piccolo che il 99% delle persone non si pone neanche il problema. 
Io sono il restante 1%.

Il perche' e' ovvio ai miei occhi. Non e' l'altezza dell'onda a determinare la surfabilita', ma l'inclinazione. Se c'e' energia, uno swell di passaggio,  anche se piccolo, con il longboard e' un attimo prendere 10cm di onda. Basta quel poco di inclinazione e vai.
Certo, su 10cm non puoi farci molto, ma il set assassino arriva anche nei giorni di quasi piatta. E si traduce in due piedi puliti e divertenti.

Cosi' sabato scorso sono andato in un piccolo point molto esposto, alla ricerca di ondine sperdute. Le ho trovate dieci metri davanti alle rocce. Ovviamente schifate ed ignorate da tutti.
Ci sono andato.

Mi sono sentito un cretino, ma solo sino a quando ho preso la prima. Perche' poi il conto e' salito prestissimo. Pop up, micro bottom turn, cross step to the nose. Decine di volte. Quasi senza pausa.
Dopo mezz'ora si sono uniti due aussie con delle shortboard. Ero stupito, ma poi infatti era impossibile che riuscissero a surfare. 

Stare in acqua a far quel che vuoi e' speciale.
Erano onde piccole si, ma e' stato molto bello.



22 February 2018

Cyclone Gita

Cyclone Gita delivered the biggest waves I’ve seen with my eyes.
Pictures of Kirra and the Superbank in general have gone round the world. It was just huge.

I surfed Noosa but I was disappointed: Friday was still windy and poor, Saturday it seemed to be on a shopping centre at Christmas eve, but the swell was late, and still building at a very normal size. 
Sunday morning was still "normal" and then I left. 
However, I stopped on the road and took this footage with my cell phone at the open beach of Coolum, Sunshine Coast.

Honestly I don't know how those guys got there. The one you see paddling in the white water never moved from there. He gave up after 20 minutes.





Gita ha sparato le onde piu’ grandi che abbia visto ad occhio nudo sulle coste del Queesnland.

Ho surfato a Noosa, riparatissimo, ma il venerdi faceva schifo, sabato era bello ma di grandezza assolutamente normale e pieno come un negozio alla vigilia di natale. Domenica ha iniziato a pompare veramente, ma troppo tardi per me ed ero gia’ in macchina.
Mi sono accontentato di fermarmi per strada a guardare la situazione in mare aperto ed ho fatto il filmato che vedete. Spettacolo.

Sinceramente non so come cazzo hanno fatto quelli ad uscire. Il tipo che se vede remando nella schiuma ha abbandonato dopo 20 minuti..

15 February 2018

Enough said!

Experts say this is a special event, different from the usual cyclones.
They say it's gonna be bigger than what people have seen in the last decades.

I wonder if that'd be really the case.
But I also wonder if I'll be able to ride something at Noosa where we have the accommodation booked for the weekend..

Wait and see..

from SwellNet website


Dicono che questa volta e' speciale, diverso dai precedenti cicloni.
Dovrebbe essere piu' grande e non influenzato dai venti locali.
Uno spettacolo inserfabile per i comuni mortali.

Mi chiedo se sara' cosi' dato che altre volte poi non ho visto le onde enormi di cui si parlava.
Ma mi chiedo anche se, in ogni caso, potro' surfare qualcosa, dato che nel weekend saro' a Noosa.

Wait and see..

31 January 2018

The perfect session

It’s almost precisely 1 year since I had what I think was probably the best surf session  my life.

I was in PNG and that particular day there was a spot that was working particularly well. We boarded the small boats and headed toward an island in the middle of the ocean 20 minutes ride from the resort.  

It was literally a tiny tiny island with 2 palm trees in the middle and the barrier reef all around.
The swell was coming straight from the north (I guess) and you could see lines of waves from hundreds of meters. Wide, perfect, lines.

Most of the surfers picked up a spot on the left of the island were the waves were peaking high and crushing fast around the edge.

I followed two seasoned surfers from Queensland who were on longboards. They went straight in front of the island, hundred meters out, and started catching the waves well before all the others (straight, wide, tall walls of water). 
I watched for a bit, getting a feeling of the place and of where I didn’t want to be (if you know what I mean).

The waves were big (for me) but there was plenty of water upon the reef that made me feel a bit better.

The sun was shining, the water was crystal clear. No wind. Only 3 longboarders. Hours of waves.

I couldn’t believe it myself.

I still dream about that day. 


This random pic shows how were the waves that day in relation to size and shape.
Questa foto random mostra all'incirca grandezza e forma delle onde di quel giorno. 


Those waves in a place like this one. Just fantastic.
Quelle onde in un posto tipo cosi'! 



E’ piu’ o meno un anno preciso da quando ho avuto quella che forse e’ la sessione di surf migliore della mia vita.

Ero in PNG, e quel mercoledi le guide del resort ci hanno portato in barca davanti ad una isoletta sperduta nell’oceano. Immagnatevi l’isola delle barzellette della Settimana Enigmistica. Quella con i classici naufraghi. Ecco, era cosi’. Minuscola, con un po di sabbia e due palme al centro. Ed il reef tutto intorno.

Quel giorno arrivavano onde dritte in faccia all’isola. Linee estese che spuntavano da un centinaio di metri prima e si gonfiavano inesorabili. 
Quasi tutti (una decina di persone) si erano messi sulla sinistra a surfare con le tavolette un picco ripidissimo e cattivo, mentre io avevo seguito titubante due veterani col longboard che si erano messi esattamente davanti all’isola, 50, 100 metri fuori.

Le onde erano grandi, per me, ma non tubavano. E l’alta marea teneva il reef sotto un po d’acqua, rendendolo meno minaccioso.

Il sole splendeva e l’acqua era incredibilmente calda e trasparente. Niente vento. Solo noi 3 la davanti. Ore di onde ininterrotte.
Io stesso non ci credevo.

Ci penso spesso e mi chiedo se mi ricapitera’ mai una perfezione simile.

La foto che ho messo l'ho trovata a caso, ma e' abbastanza fedele a quelle onde. Ho aggiunto anche un disegnino stupido per dare un'idea di quel posto magico. 


22 January 2018

2 sessions, 2 boards, lots of fun

On Thursday I took a strategic day off to ride those amazing waves down the Gold Coast.

At Kirra the waves were actually bigger that I expected. I was near the end of my comfort zone.

I went there with my Classic Malibu and got a good number of short, fast and furious rides!
There was so much side current that I didn't stop paddling for 2 hours.

Back home I was literally finished. 

But that didn't stop me going for an early session on saturday.
The swell was back to a 2/3 foot size. This time I took my SeaPlane and practised cross stepping. 
I had fun.

And I love having 2 boards to fit the occasions.

The Seaplane is heavy to speed up and increadibly stable to walk on.

I can't wait for the next session. As usual!


This photo comes from Coastalwatch website. Waves at Kirra during the last event.
That's the kind of waves I was playing with, but no tube riding for me!
Piu' o meno le onde con cui ho giocato, ovviamente tubi esclusi!


Giovedi' ho preso un giorno strategico e sono corso in Gold Coast a surfare onde della madonna che da giorni arrivavano da SE. 

In realta' a Kirra erano piu' grandi di quanto mi aspettassi. Era da un bel po' che non stavo in acqua con onde cosi ed ero al limite della mia comfort zone.

Cio' non mi ha impedito di prende un buon numero di onde con la Classic Malibu. Onde ripidissime, fast and furious, che si chiudevano presto con un tubo, o semitubo. Per me e per la maggior parte dei miei vicini inserfabile. Salvo poi vedere qualcuno letteralmente volarci dentro con delle tavolette.

C'era molta corrente laterale, un classico, e non ho smesso di remare un secondo. Una volta a casa ero letteralmemte sfinito.

Ma cio' non mi ha impedito di andare sabato mattina con la Seaplane, a godere delle ultime spinte dello swell, sui 2/3 divertenti piedi.

Ora che ho due tavole cosi' diverse e' una figata.
La Seaplane si conferma pesante da far accellerare e stabilissima quando va.
Ho fatto i miei passetti e aggiunto un'altro tassello al mio apprendimento. Una giornata bellissima con acqua degna della miglior Sardegna (come sempre, del resto!).

Contento e in attesa del prossimo weekend, come al solito.

A very good read - South Straddie!

I find this article from SwellNet very interesting and enjoyable.


I love it.


10 January 2018

The surfing prophets or the essence of surfing

If there's something I can't stand are the prophets of the surf church. 

You can find them in every comments. They are like trolls and haters just under the disguise of advocates for the good old surf, good old surfboards, good old waves, good old surfers, good old wax, good old respect, good old rules, good old soul surfing, good old yoga, good old karma, good old essence of surfing!

So when this guy wrote his sermon about the 'essence of surfing' on one ad of mine, I had to say something.
See pics down below.

ps- I sold the board in few days. Obviously.


-------


Se c'e' una cosa che non sopporto sono i preti, o meglio i profeti del surf.

Sono praricamente trolls e haters che rompono i coglioni nelle discussioni sul surf. Predicano i bei tempi andati (che non hanno visto), e si riempono la bocca di stereotipi idioti che a quanto pare non vanno toccati.
Le tavole di una volta, le onde di una volta, la cera di una volta, le regole di una volta, il rispetto di una volta, il surf di una volta, il soul surfing di una volta, il karma di una volta, le foto al tramonto in controluce nella posizione del loto di una volta.. insomma, ci siamo capiti. 

Dunque quando questo cagacazzo e' intervenuto a gamba tesa in un mio annuncio per vendere una vecchia tavola, sono stato combattuto. Ci ho pensato e da prima mi sono trattenuto. Poi ho dovuto scriverlo.

ps- la tavola ovviamente l'ho venduta subito. A dimostrazione i profeti del surf predicano cazzate. 









What the hell.

03 January 2018

Work in Progress

I ordered the Versatraction for the new longboard and now I want it back on my old board as well.

I had it on for 1 and 1/2 year and I was happy to live without wax. But I took it off for the sake of maximum grip (wax) when I went to PNG last year.  
After the trip I was busy and I just kept the wax on. But now it's the time.

I should get it next week.
Meanwhile the small waves at hands this weekend will make me practise some cross-stepping with the new board.

During the festivities I was away from the Ocean and now I can't wait to go back.


Disgusting wax..
Cera del cazzo..

Half of it gone, but there's still a tiny layer of wax that needs solvent..
Meta' sembra andata, ma c'e' ancora uno strato finissimo che richiede il solvente.. 


Con la scusa della nuova tavola ho ordinato il Versatraction e ora ho deciso di rimetterlo anche sulla 'vecchia' 9'1.

In precedenza l'ho usato per un anno e mezzo e l'avevo tolto solo in occasione del viaggio in PNG. Non sapendo cosa aspettarmi in termini di onde ho voluto avere la massima aderenza possibile, garantita dalla cera.
Poi per mancanza di tempo ho tenuto la cera, che odio, sino ad oggi.

Ma e' tempo di cambiare. 
Ho fatto un poco di casino con l'ordine quindi mi arrivera' non prima della settimana prossima.

Va di culo che le onde in questi giorni e per il weekend sembrano essere minuscole e andranno benissimo per la praticare passetti sulla nuova tavola gia' munita di antiscivolo.

Dopo la pausa natalizia che mi ha tenuto lontano dall'acqua, non vedo l'ora di andare sabato.

19 December 2017

My new toy!

New toy!!

You can see the picture of my new Sea Plane model, by Beau Young, with the VersaTraction sticker on.
It’s a 9ft board, 68.5 L volume. You can check the rest on the net.

I love my 9’1 Brett White model, by Classic Malibu: a performer. I can’t do crazy things on it but I love how fast it is and how easy it turns. The steeper the wave the more it’s alive.

So I was looking for something more traditional to help me stay on the nose on those small days, but I didn’t want to risk buying a traditional big log that would weight too much for me and be comparatively very slow in making turns and makes my life hard again.

After some good hours spent on the net, I took the occasion of being in Byron Bay to visit a few shops and have a closer look. 
At the end, a good chat with the guy at the shop helped me deciding toward the Sea Plane, after a number of other chats that didn’t really hit me.

I didn’t consider the Sea Plane at first, so in my decision there’s a good deal of thrusting the guy’s expertise. 
Also I didn’t consider asking for a custom made. 
Why?
Because I don’t live near the beach and I don’t have “a local shaper”. 
And it’s not only a matter of knowing someone that you thrust. You can’t just order something with some specific features, pay it and surf it. And that’s it.
For the price of 1 -one- board, you should get one, try it (surfing a lot), understand it, then going back and saying: ‘ok, I’d like a bit more of that, and less of that’. And get another one more in tune with your needs. And maybe another one again! 
Unless your shaper really knows you and sees you surfing, why would you request a specific product that you can’t fine tune? 
If I have to pay just one board and surf it however it turns out to be, then I just buy what’s ready. 

So, according to the seller, the Sea Plane sits approximately in between the all-rounds and the old school longboards. It is sufficiently different from my 9’1 but not completely alien and challenging as a log could turn out to be.

I tested it in 2ft waves last Sunday. Not great conditions and the high tide made the waves harder to catch. 
It felt very heavy to speed up, and I had a bit more than usual nose dive problems (the board is more straight that the other). 
Once up it turned very slowly (I had the 3 fins), but at the same time it gave me a very good feeling of steadiness and when I got the right combination I walked on the deck with such easiness.

Despite the conditions I got a few nice waves and I had more fun than I expected, or feared.

I can’t wait to surf it more.
Merry Christmas!!

My new Sea Plane by Beau Young
Two different loves.. :)


Giocattolo nuovo!

Nella foto potete ammirare la mia nuova Sea Plane, by Beau Young, col Versatraction messo su.
E' una 9ft, 68.5 litri di volume. Le altre misure sono in rete.

Amo la mia "vecchia" 9'1 Brett White model, by Classic Malibu: una performer. Non sono capace di farla saltare su per aria come le si conviene, ma me ne sono innamorato subito, per la facilita' delle virate e per come diventa viva ogni volta che le dai un bel muretto ripido.

Stavo dunque cercando qualcosa di piu' tradizionale, per camminarci su con piu' calma, per quei giorni di onde piccole e divertenti che non sono l'ideale per la 9'1. Ma non volevo neanche comprare una longboard vecchio stile, pesante, enorme e lenta. Essendo io leggero, volevo qualcosa che rimanesse comunque agile.

Dopo ore di studio su internet ho approfittato del weekend a Byron per vedere dal vivo alcuni modelli.
Avendo fatto diverse chiacchierate non convincenti, volte a vendermi cio' che volevano vendermi piu' che cio' di cui io avevo bisogno, il tipo della Sea Plane mi ha convinto senza peraltro insistere minimamente. 
Non era neanche un modello nella mia lista.

Ora qualcuno storcera' il naso dicendo che avrei dovuto chiederne una custom made, fatta su misura.
Beh, non l'ho neanche preso in considerazione.
Motivo principale io non ho uno shaper di fiducia. Secondo, con questo shaper dovrei passare una sacco di tempo a definire e raffinare la tavola. Ne dovrei pagare una, provarla, e poi fargliela cambiare minimo almeno una volta, ma minimo, per essere esattamente come la voglio. Cio' significherebbe surfare un casino per testare e capire, e trattarci per mesi interi. Il tutto, ripeto, al costo di una tavola.

Ritengo che ordinare una tavola su misura da uno shaper che non ti ha mai visto e a cui non parlerai piu' per i prossimi due anni non abbia molto senso. Tanto vale comprare dei modelli testati e affidabili, pagare e averla seduta stante.

Quindi, a sentire le spiegazioni del tipo, questa Sea Plane e' un nose rider moderno. Garantisce tempo sul naso non rinunciando alla manovrabilita'. Inotlre e' lunga solo 9ft. Insomma, non completamente aliena.

L'ho provata sabato con onde da 2ft e l'alta marea che rendeva difficile prenderle.
Essendo piu' pesante dell'altra ho notato subito quanto piu' forte dovessi spingere per farla accellerare. Inoltre il naso quasi dritto ha fatto emergere problemi di nose diving che non avevo da tempo. Una volta su girava con una certa lentezza ma allo stesso tempo era incredibilmente stabile e mi ha subito regalato una giornata ricca di passetti incrociati come mai avevo provato in precedenza.

La titubanza iniziale ha lasciato il posto al divertimento.

Non vedo l'ora di surfarla ancora.

Buona Natale!

13 December 2017

Back to Byron Bay

I went to Byron for the weekend and yet again I came back with a mixed feeling.

Love for the location and hate for what seems to me unsustainable congestion of people and cars.
Love for the waves and hate for the crowd.

I woke up early on Saturday. I was dead tired from the day before and it was cold.
I sat on the bed thinking, trying to be truthful to myself and understanding if more sleep would have done more to my wellbeing than a surf session.
But once you are awake and you know that waves are rolling just 5 mins from you, it’s extremely hard to resist.
So I went.

I didn’t want to spend time searching for a carpark near The Pass. So I stopped before, only to see that the walk along the beach to the point was way longer that I remembered.
Once in the water, despite the early hours, I went back to the same old Byron Bay frustration mode. The waves (medium small) were rolling precisely on a specific line and the chances to get one, without being in the middle of the lineup fight, was near zero.
I managed to jump on a few orphans at the last moment but I got a close out every time.
Ice on the cake I got stung by a jellyfish. I didn’t see it but it hugged my calf.
The pain got me distracted. And when I focused again the crowd was just unmanageable.

I sat for a minute and asked myself why. What was I doing?
The sky was blue, the sun shining. It was a beautiful day.    
And I knew I wouldn’t be able to fix my session. I knew my frustration would poison me.
So, for the first time in my surfing life I gave up and went back to the car after just 40 minutes or so. And it felt good. I bought coffee and croissants and went back to my wife at the hotel.
I spent the rest of the day feeling good, not being miserable for my failure. For once.

Sunday I woke up determined to catch a few at Wategos: the point just behind The Pass.
I went there early, and this time I could count the people in the water on my fingers.
The waves were bigger that I expected and there wasn’t a clear pattern.
The sun was still low, behind the hill, and the water was dark. I don’t know the configuration of the bottom there and I was a bit nervous.
I went in far from the visible rocks and pointing straight to some white water a bit far out, where a lonely lady was.
Wategos gave me back my stoke.

As the tide retired the waves got even better but the crowd never reached a stressing point.
I just waited and got my nice rides. I surfed well for my skills.
I’m stoked by the fact that I can consistently do things on a wave, when I can get one!
I think I’m where I dreamt about when I started.

It has been a 6 years journey (minus 6 months for surgery) to get to this point.
I am happy. I would like to progress a little more before my age will start working totally against me.

Thanks Wategos.
Byron, you drive me crazy. Every single time!


Wategos in between sets


Come al solito quando vado a Byron Bay torno indietro con un misto di amore e odio.
Amore per il posto, e odio per il modo in cui la cittadina e’ congestionata dal traffico e dalla gente.
Amore per le onde e odio per la folla insostenibile.

Sabagto mi sono svegliato presto. Faceva freddo ed ero molto stanco dal giorno prima.
Mi sono seduto sul letto, cercando di essere sincero e capire se qualche ora di sonno in piu’ mi avrebbe fatto meglio di una surfata.
Ma quando sai che le onde rotolano a 5 minuti da te, e sei ormai sveglio, non c’e’ piu’ niente da fare.
Sono andato.

Ho parcheggiato lontano da The Pass e mi sono fatto la spiaggia a piedi con la falsa idea di fare prima. Lo onde rompevano solo al point e sembrava la vigilia di natale al centro commerciale.
Sono entrato sperando di rastrellare qualcosa, ma la frustrazione ha cominciato a salire rapidamente. Dopo una manciata di onde orfane colte all’ultimo secondo e concluse immediatamente con un close out, una medusa mi ha abbracciato il polpaccio. Dolore.
Dieci minuti di bestemmie, e quando sono tornado a concentrarmi sulle onde con mio orrore la folla era aumentata ancora.

Con la gamba dolorante ho guardato il cielo blu, il sole splendente, l’acqua limpida e la buona giornata che sarebbe potuta essere. Mi son chiesto che cazzo ci facevo la a rodermi il fegato, e ho ammesso che anche insistendo non sarei riuscito ad addrizzare una situazione penosa. Non volevo vivere una giornata misera.
Mi sono fatto forza e sono uscito. Per la prima volta in vita mia ho abbandonato delle buone onde dopo appena 40 minuti. Ho comprato cornetto e caffee e sono tornato in hotel da mia moglie. Per la prima volta in vita mia ho vissuto una bella giornata, sereno, nonostante una brutta sessione.

Domenica mi sono alzato presto e sono corso a Wategos, dietro The Pass, in cerca di riscatto.
Il sole era ancora dietro la collina e onde grandicelle e buie rotolavano in punti diversi della baietta. Pochissimi in acqua.
Non conoscendo il fondale mi sono tenuto lontano dalle rocce visibili e mi sono recato titubante abbastanza in fondo, dove una donna sola prendeva onde su un fondale che sembrava abbastanza profondo.
Wategos mi ha ridato la gioia.
Come la marea e’ scesa le onde sono andate via via migliorando, senza che la folla raggiungesse mai livelli di fastidio.
C’erano diversi picchi e sono riuscito a surfare bene, su bei cavalloni.

Sono gasato dal fatto che riesco a giocare con le onde mandando la tavola su e’ giu’ a piacimento. Ho raggiunto quel livello che sognavo quando ho iniziato.

Sono passati 6 anni (meno sei mesi causa intervento) proprio in questo periodo. E’ stato un cammino lungo e spesso snervante. Ma sono felice.
Vorrei progredire un altro po’ prima che il mio fisico cominci a dire ciao.     


Byron, ti amo e ti odio!