27 June 2017

Burleigh Sunset

I love staying at the beach till sunset and watching others surfing.

This guy at Burleigh last saturday was the only one taking off in front of the rocks. Middle age man, dominating the weekend line-up!
How good was that view?


video



Amo stare al mare sino al tramonto, e se non sono in acqua, mi piace comunque guardare gli altri.
Sabato scorso questo tipo di mezza eta' era l'unico a partire davanti alle rocce. Dominava il sabato sera di Burleigh Head.
Sarenita'.

20 June 2017

Kooks!

A surprising swell is making surfers happy along the east coast of Australia.

Surprising because this time of the year rarely see something over the 2ft, in my 6 years experience.

However, I can't stand watching the webcams and seeing tow-in surfing in 2m.
C'mon! 
I understand there's like a river going on there. It's good to have the jet-ski to help going out and stuff. But to catch waves?
Hawaiians will laugh!
Who's the kook now? :D  





Giugno non e' un mese di onde memorabili in east coast Australia. Tutt'altro.
E' quindi una benedetta sorpresa lo swell che sta battendo la costa in queste ore. Calera' presto estinguendosi nel weekend, ma per ora fa la felicita' di molti, giustamente.

Tuttavia, mentre controllo le webcam imprigionato in ufficio, noto un numero imbarazzante di jet-ski in acqua. 
Sicuramente lo vorrei anche io per uscire in queste condizioni, con il solito fiume che scorre parallelo alla costa e 2 metri di acqua a valanga ogni 10 secondi o giu' di li. 
Ma farsi lanciare con il jet-sky per queste onde?
Ma dai!
Sai che risate si fanno gli Hawaiani se vedono queste scene?

Per una volta, cari sudditi della regina, ve lo dico io: kooks!




14 June 2017

A music video

I forgot about this Italian guy who years ago made a "surf song".

I don't know details but it's stupidly funny.
The chorus says:
the wave won't sink me
the shark won't have me
another time, another wave




Mi ero scordato der Piotta e della sua canzonetta sul surf.
:D



19 May 2017

Storm Surfers - film review

After quite some time I go back to my personal surf film review.

While going through the endless (and not breathtaking) Neflix movies list, I ended up watching Storm Surfers, with Tom Carrol and Ross Clarke Jones as main surfers.

This is a surf movie that has been out for a while and I couldn’t be bothered watching on dvd. In fact, I consider surfing big, giant waves a sort of pointless occupation. 
Don’t get me wrong. 
I understand the rush of adrenaline that comes out of that, along with the immense satisfaction. I experience it when I surf what I consider big for me. And I also understand and –really- appreciate when humans push themselves to their limits. It’s a primordial call to the wild, in a way. And I believe that it’s thanks to this call that humanity progresses a step further, every now and them. Yes, surfing doesn’t give humanity any tangible and ‘useful’ results, but it’s the instinct at the base of human approach to obstacle that sometimes makes the difference for all of us.
This is to say that yes, I appreciate the effort, but I don’t get too enthusiastic about it. As I said, I find it pointless. 
By that I mean that for who’s watching it, riding a 30, 35 or 40 meters high wave doesn’t change a thing. Plus, and this is the whole point I wanted to get to, when the waves are that big, practically all they do is surfing at an angle and go for the dear life.
The conditions, or rules of engagement, are so that it’s almost impossible to do anything else rather than get out as fast as you can.
And this is where my mind does not enjoy it anymore. Watching someone going on a straight line doesn’t tell me anything. 
Wouldn’t be better to surf a ten meter smaller wave (but still big) and rip the shit out of it?

Ok. This is a personal opinion and it’s not even exactly on the film.
So, what I meant by all this is that I watched Storm Riders and I enjoyed the show.
But I will remember this movie only for two things:

-The old footage of Tom Carrol going vertical at Pipeline (and the ecstatic commentator – exactly my point);
-The comments throughout the movie about how Tom’s perception of danger has shifted over the years. How getting older and having kids added a new element to his approach to surfing.

I think what is disappointing about Storm Riders is that they didn’t take time to explore Tom’s new priorities, or fears, or whatever you wanna call them. 
Being a film about big waves I understand how that line of storytelling could have led to screwing the original project.  
But still, I feel a great sense of lost opportunities here. I would go and interview Tom myself, if I could, to explore how it all evolved.
Also, his mate Ross makes comments about it. Respectfully comments, yes, but with a touch of disappointment. An underline critic, that goes back to the historical macho approach to surfing, and surfing big waves. That culture of no fear whatsoever. That game of “chicken” that youngsters normally do,  still alive in the culture.  

I think there are great storytelling opportunities left unexplored.

I think Storm Riders is a good show that still lets you disappointed, like an article on a scientific magazine that doesn’t tell you anything new.  



This pic belongs to the Storm Surfers production




E’ tempo di fare una nuova recensione di surf movie.

Giorni fa, mentre scorrevo l’interminabile e non eclatante lista di film su Neflix, mi sono fermato su Storm Surfers. Un film di qualche anno fa e di cui non avevo mai preso il dvd per manacanza di interesse verso le onde giganti. Surfare onde enormi mi sembra infatti una occupazione che lascia il tempo che trova.

Non fraintendetemi. Apprezzo la preparazione che occorre, e le palle quadrate certamente strizzate dentro la muta. Apprezzo anche e soprattutto il fatto che e’ grazie a chi rischia tutto per cercare e superare il limite, che l’umanita’ va avanti. (Certo, il surf nella fatispecie non contribuisce granche’ al progresso in senso materiale, ma e’ ovvio che l’istinto di buttarsi sotto quaranta metri di acqua in zone inesplorate dell’oceano e’ lo stesso che spinge qualcuno a farsi sparare su un razzo per arrivare sulla luna.)
Ma nonostante questo, non vengo affascinato piu’ di tanto dal surfare onde giganti per due motivi:
-Visto sullo schermo, che una onda sia 30 o 35 metri non fa differenza;
-In quelle condizioni, i portatori di palle cubiche non possono che andare in diagonale e uscirne alla massima velocita’.   

E questo e’ l’aspetto piu’ noiso, Perche’, dal comodissimo divano di casa, vedi uno sopra un mostro si, ma che non sta facendo nessuna evoluzione, nessuna manovra, se non quella piu’ importante di salvarsi la vita.
Non sarebbe piu’ bello vedere qualcuno su una onda di “soli” venti metri, ad esempio, ma che la surfa e la gode sino al midollo?

Cosi’, e vengo al film, le avventure di Tom Carrol and Ross Clarke Jones sono un bello spettacolo che ricordero’ in futuro solo per due aspetti secondari:

-Le immagini di repertorio di Tom che va verticale durante una tappa del World Tour a Pipeline (e la voce del commentatore shockato – esattamente cio’ che dico: fare manovre, surfare realmente su onde della madonna, non importa di che misura);

-Le parole di Tom a proposito dell’invecchiare, dell’avere moglie e figli, del non surfare onde enormi se non ci sono le condizioni giuste, ambientali o mentali.

Il film tocca questo tema, bellissimo, umano, che riguarda tutti noi che invecchiamo ma non lo esplora a fondo.
Ovviamente avrebbe portato il progetto fuori strada, ma e’ un peccato lasciar passare cosi’ un tema universale come quello di capire che non si ‘e immortali, che altre priorita’ entrano in gioco nelle nostre vite col passare degli anni. Che non vuol dire rinunciare, ma evolvere.

Parallelamente, nel film, Ross commenta le scelte del suo amico. Con rispetto, ma anche un certo disappunto ed un filo di presa in giro. Un atteggiamento che si rifa’ al machismo classico della cultura surfistica. Quella sfida giovanile ed ignorante tra alpha males, che poi genera, o contribuisce a generare i problemi di convivenza tra le onde.  

Ecco, penso che ci vorrebbe un film sulle passate generazioni di surfisti ad alto livello, su come il loro surfare si e’ evoluto con l’eta’, sul contatto con le nuove generazioni, sull’arrivo possibilmente di una famiglia, sugli acciacchi che presto o tardi arrivano, sulla paura! Questo argomento tabu da esorcizzare, che nel mondo del surf non e’ possibile nominare.

Per quanto riguarda Storm Surfers, a mio giudizio delude come un buon articolo di una rivista scientifica che pero’ non ti dice niente di nuovo.



11 May 2017

Wavegarden new Cove pool

Wavegarden has come up with a new design for its wavepool.

When Kelly Slater released his video everybody was soo excited. His wave showed up on my feed for months.

At the time what I thought was that:
Kelly copied the system from the already existing and operating Wavegarden; He got a lot of exposure and positive comments only because of his name.

Now, this new version seems to be smarter and more efficient. It can make tubes, but it can also modify the features of the waves at command. And in the video you can see one wave after the other without dead moments. 

So, my updated thoughts are:
Kelly is left behind; this time the promo video features clear water!

I can't wait to try something like this.
When I was in PNG I got so many waves in such a short time, my confidence and skills improved without doubts. Imagine if I could spend few days in that pool..

Maybe, when I'll be old, I'll be able to book my surf fix online and avoid the stress of a car trip to the beach and the moody ocean.. I'd be cool!





Quelli del Wavegarden hanno rilasciato un nuovo video in cui si presenta una evoluzione della loro piscina per onde.

A quanto pare il sistema e' evoluto, e non c'e' piu' l'ala che scorre sott'acqua per creare l'onda. Parlano di un sistema modulare in grado di cambiare forma e frequenza delle onde a comando.
Producono anche il tubo che aveva fatto venire in godimento un sacco di gente quando avevano visto il modello di Kelly Slater.

A questo proposito direi che Kelly, dopo aver semplicemente copiato la soluzione originale del Wavegarden abbinandola ad un fondo vasca che facesse tubare l'onda, e' rimasto decisamente in dietro. Strano comunque notare come la sua creazione abbia ricevuto applausi mentre gli  sconosciuti spagnoli si becchino solo critiche.

Ad ogni modo, con un po' di pazienza le wavepool saranno presto realta'. Magari da vecchio, invece di spaccarmi il culo in mare, sara' in grado di prenotarmi le mie sessioni a sbattimento zero.
Sarebbe bello.

(aspettiamo i commenti dei messia del surf che predicano la perdita del regno dei cieli) 


03 May 2017

My hands

Sometimes I notice my hands.

I’m at work, doing stuff, talking, typing, and suddenly I see my hands coming out of the white cuffs. They are dark, or darker than those of my pale colleagues. And immediately flashes of clear water and sunny skies passes in front of my eyes.  Like echo of moments that I can’t explain to my peers. I can see myself standing on the board, and my body trapped in my work uniform dreams of those movements and poses that seem to be so far away now.
Then I think of me as a surfer. I ask myself if I am a surfer. And I’m puzzled. 
My colleagues think about me doing crazy things like in the magazines. But I don’t. I live a life far from the beach, a life that wasn’t planned to have surfing in it. But in the end I guess I’m a surfer. I spend my time doing tetris with my life commitments in order to be there every week. To slide being still. The wave goes but the water don’t. The board goes down for gravity, but it stays up. You go sideways but you are actually going toward the beach. You are moving, but you don’t have to push. It’s magic.

When I notice my tanned hands coming out of the white cuffs, I think about all of this. And I secretly smile. And it makes me feel good.





Qualche volta noto le mie mani.

Sono a lavoro, faccio cose, parlo, digito sulla tastiera, e ad un certo punto vedo le mie mani abbronzate spuntare dai polsini bianchi. Sono scure, specie se confrontate con quelle pallide dei sudditi della regina. Immediatamente flash di acqua cristallina e sole mi passano davanti agli occhi. Eco di momenti che non posso spiegare a chi mi sta intorno. Mi vedo in piedi sulla tavola e il mio corpo imbalsamato da ufficio brama quelle dinamiche magiche, quelle inclinazioni e posizioni che sembrano lontane anni luce.
Penso allora di essere un surfista. E rimango perplesso. I colleghi alla parola surf immaginano tutto e di piu’. Ma non sono in grado di fare cose da copertina. Il mio essere surfista e’ ritagliato con fatica all’interno di una vita che scorre lontana dalla spiaggia e che non prevedeva nulla di tutto cio’. Eppure, evidentemente lo sono, e faccio qualcosa che per me e’ speciale. Controllo, programmo, sposto impegni, faccio il tetris ogni settimana per mettermi in macchina ed essere li, a scivolare stando fermo, L’onda passa ma l’acqua non si sposta. La tavola scende per gravita’, ma rimane su. Vai di traverso ma stai andando verso la spiaggia. Ti muovi ma non devi spingere. E’ una magia.

Quando noto le mie mani abronzate spuntare dai polsini bianchi, penso a tutto questo.E sorrido tra me e me. E mi fa stare bene.

21 April 2017

Small waves

video

Waves hypnotize me.
I can watch them forever. No matter where or what size..

20 April 2017

Fantasy world


Being an expat, I get to see surfing stuff from both the Australian and the European part.
From the Ozy part I can say that I find a lot of "the good old days" comments, but the Europeans spend more time analyzing and putting it into words.
And most of the stuff they put into words seems to come directly from a fantasy realm.

So this is my take on the fantasy realm of the surf world.

It's very common to find the myth of the lone surfer chasing waves during a storm in the middle of the ocean to find karma.

I have to say that:
-basically nowadays nobody surfs alone. Not  the pros, not the kooks like me.
-Nobody wants to surf during a storm. After, yes, but during a storm??
-You just don't surf in the middle of the ocean. You surf near shore for obvious reasons.
-You don't find karma with surfing. C'mon. 

I hate this thing about karma and spirituality and connection with mother nature. 
Everybody says that while you are in the act of surfing, you forget all the rest and live the moment. Unlike anything else. Right.
As if Usain Bolt thinks about bills while setting a new world record.
As if Casey Stoner thought about fishing in the Tweed River while racing motor bikes.
As if while doing free climbing you think about Christmas presents!
As if a footy match isn't enough to forget about it all. 
As if Playstation isn't enough! C'mon..

And by the way: what mother nature are you talking about?
That one that you pollute with your surfboard? Your wax? Your leash? Your accessories? Your t-shirts and hats made in China? Petrol, tires? The reef that gets destroyed to make room for boats? That nature?

Then, I find it funny to think about this lovely, deep connection with the world, and the attitude you see in the water. Things like Locals Only, no kooks, no longboards, no shortboards, no SUP, no softboards. 
Exclusion.
A community that is not a community, made up by single individuals that do not want to share anything with anyone.
Because Karma it's hard to find and you need to get rid of a lot of people to connect with nature! Right?

Fantastic stuff.

Now, while europeans spend more time (in my opinion) thinking, dreaming and writing about idealistic surf worlds, everybody is affected by the connection/exclusion dichotomy.

So, I'd say: guys, please, just stop talking bullshit and be a better person in the water.






Leggo spesso cose sul surf che a mio giudizio hanno perso contatto con la realta'.

Mi accingo dunque a fare il bastian contrario.

Partiamo da una descrizione del surf che ogni tanto ritrovo qua e la' nei commenti delle pagine piu' svariate: il mito del surfista solitario, in mezzo all'oceano, che sfida il mare in tempesta per trovare il karma.
E basta con questa storia!

Il surfista non e' solitario. Gli spot dove cavalcare onde sono conosciuti e affollati. I pro surfano in massa. Gli amatori surfano in massa. E anche quando qualcuno puo' permettersi di andare in esplorazione, e' comunque in compagnia. 
Non si surfa da soli. Non nel 2017. 
Sicuro spuntera' qualcuno a dirmi di quella volta che ha surfato da solo non so dove. Infatti l'esempio sara' al passato. Un'eccezzione. Fatevene una ragione.

Il surfista non surfa in mezzo all'oceano ma al massimo a qualche centinaio di metri dalla terra ferma. Ovviamente. 

Il surfista non sfida il mare in tempesta. Quella e' la fine di un film!
Quando il mare e' in tempesta le condizioni fanno pena. Casomai il surfista aspetta che la tempesta passi per sfruttare la sua energia in condizioni pulite di vento e di superficie dell'acqua.

Il surfista non trova il karma, dai! Questa e' la peggiore di tutte.
Basta con questa storia che si vive il presente, che tutto scompare, che ci si connette con madre natura.
Sembrano cose scritte da gente che non ha mai fatto una mazza.
Ma secondo voi un pilota di moto pensa alle bollette della luce mentre gareggia?
Uno che si arrampica a mani nude in parete sta pensando a facebook?
Usain Bolt ripassa le tabelline mentre fa il record dei 100 metri?
Dai oh! E' sufficiente una partita a calcetto per dimenticarsi del mondo!
Qualsiasi attivita' sportiva fa lo stesso effetto, ripigliatevi.

E poi quale natura? Quella che i serfisti inquinano con le tavole? Con la cera? Con il leash? Con la muta? Con magliettine e capellini prodotti dai bambini in Cina?Con la benzina consumata per cercare le onde giuste? Andando nei resort construiti a discapito di isole bellissime, dove la barriera corallina viene sventrata per creare il fondale per le imbarcazioni?
Quella natura la?

E basta anche con gli anni sessanta, quando nobili animi ribelli rifiutavano il capitalismo e sperimentavano con le droghe per trovare il karma (anche loro). 
Non si sa perche' se ti buchi sotto un ponte sei un drogato da evitare ma se ti buchi vicino alla spiaggia sei un mito ribelle da rimpiangere. Diciamo pane al pane: erano solo un branco di fancazzisti disadattati che per la maggior parte sono morti anonimi per una overdose.

E cosa dire del falso mito della tribu' del surf? Questa fratellanza che unisce i surfisti in quanto unici conoscitori della vera verita'.
Si certo.
Peccato che il surf viva di esclusione. 
Ma e' anche peggio. Perche' la cultura dominante del surf e' razzista. 

Locals only. Siccome non sei nato qua, o non vivi qua, allora devi andartene. Il razzismo applicato a pochi metri quadrati (d'acqua).
Si escludono poi i principianti, perche' disturbano. Dovrebbero andarsene anche loro.
Ci sono poi spots da cui se ne devono andare gli shortboards, o i longboars, o i softboards, o i SUP. E' la ricerca del  karma che lo dice: per evolvere spiritualmente bisogna cacciare a calci in culo un sacco di gente. 

La fatica premia.

E ci sono anche quelli che non si possono cacciare perche' non esistono neanche.
Dove sono i milioni di surfisti che non sono piu' ragazzini ma che surfano da una vita? Qualcuno li vede nelle riviste? Qualcuno ne parla? E i neri? gli asiatici? Le donne (quelle che non mostrano il culo)? Gli anziani? I disabili? I bambini?
Silenzio. Il surf e' praticato solo da giovani e belli con capelli lunghi obbligatori.

Ecco, la morale e' che cio' che viene comunemente detto e ripetuto all'infinito sul surf e' una balla.

Smettetela dunque di raccontare balle. Surfare non vi fa fighi. E' piu' probabile che siate degli stronzi 
(senza karma). 

Ripigliatevi.

18 April 2017

Sad News

A teenage girl has died after a shark attack in WA.
You can read a bit more here.

I don't think about sharks when I think of going surfing. Sometimes I think about them when I find myself alone (meaning some dozens of meters away from all the other surfers) or if the water is murky, or the sky is grey and dark making the water looks mean.

In general, I'm not interested in remote locations away from the crowd and away from help.
I find comfort in being among others. Even if then I curse the crowd and the surfing impediment it creates.
But then, when you hear these news, you know crowd it's the smaller problem, right?  


---------


Una ragazzina e' morta per via di uno squalo in WA.
Potete leggere qualche dettaglio in piu' qua.

Non penso agli squali quando penso a surfare. Qualche volta mi vengono in mente se mi ritrovo da solo in acqua (che da queste parti significa a qualche decina di metri lontano dalla folla), o se l'acqua e' sporca di pioggie torrenziali, o se il cielo e' nero e rende l'acqua inquietante.

Ma in genereale non mi interessa molto andare alla scoperta di spot isolati lungo la costa per serfare da solo. Lontani dalle gente ma anche dai soccorsi. Da questo punto di vista trovo conforto nella folla. Alla fine c'e' di peggio di un'onda persa, no?

04 April 2017

Mud

Cyclone Debbie left the east coast with a massive load of mud flowing down to the ocean.

I took the pic below just before our Sunday morning session.
In it, a small swell is wrapping around Snapper Rocks and unfolding toward Greenmount, Coolangatta, where I took the photo.
The water is un-characteristically brown.

We surfed Kirra and had a great session.





Il ciclone Debbie, oltre a fare danni di ogni genere e rompere il cazzo senza donare onde serie e degne di nota, ha lasciato la costa in una pozza di fango che scende dalle montagne.
Nella foto qua sopra, onde medio-piccole girano attorno a Snapper Rock e si srotolano verso Greenmount, da dove ho fatto la foto.
L'acqua e' marrone: un panorama inusuale.

Siamo poi entrati a Kirra ed e' stata una bella sessione. 

03 April 2017

That Kid

Back in PNG I took the pic you can see below.
We were visiting a tiny village, nearby our accommodation, on an island.

The place was extremely poor, and when we asked about the local jewelry makers, two young (but old looking) ladies came out of a barrack and spread their crafts on a old table. Everything was made out of shells. Beautiful shells picked up just few meters away, on the reef.
The two ladies shot a price that was clearly way up the scale of bargains. But facing their old clothes and the babies on their arms, we just couldn't ask for a meaningless (for us) discount. We left them with literally a lot of money and asked permission to take more pictures around.

While half the village assisted the market taking place, this little kid was watching out at sea. He was staring at his friend surfing far out, on an amazing spot called Long long.
This little fella was all focused on the ocean, the conditions, the waves. He could have been 5 years old.

He will be soon a great surfer, I bet. Better than me no doubt.
Like all those local amazing teenagers. And as good as good Australian surfers, just invisible to the world.




La foto qua sopra l'ho fatta in PNG.

Stavamo visitando il villaggio dei residenti dell'isola dove sta il resort.
Un posto molto povero. Contemporaneamente triste e bellissimo.

Quando abbiamo chiesto di comprare qualche souvenir fatto da loro, due donne, giovani ma vecchie, segnate da una vita non facile, hanno apparacchiato un tavolo dietro una baracca con dozzine di gioiellini creati con le conchiglie raccolte nel reef a pochi passi.
Ci hanno sparato un prezzo esorbitante (per loro), probabilmente aspettandosi qualche contattazione.
Ma ci vergognavamo troppo a stare a tirare sul prezzo davanti a due donne vestite di stracci con in braccio alcuni bambini
mocciosi. Noi, con le ciabatte pulite, la magliettina colorata, gli occhiali da sole, la crema solare, il capellino e il cellulare. Provavo vergogna persino a fare foto: l'uomo bianco che guarda dentro uno zoo virtuale.
Abbiamo dunque pagato e chiesto permesso per scattare qualche foto nei dintorni. Giusto per non annoiare nessuno.
Durante i dieci minuti di mercatino, mezzo villaggio si e' radunato ad assistere allo show del giorno. Ragazzi e adulti ad osservare i marziani pronti a pagare conchiglie raccolte tre metri piu' in la.

C'era invece un bambino, piccolo, che se ne stava da solo su una canoa sgangherata a guardare il mare. Nessuno si curava di lui e lui non si curava di nessuno.
C'era un ragazzo del villaggio, lontano un centinaio di metri almeno, a surfare da solo uno spot  bellissimo chiamato Long Long. Il bambino guardava e studiava. Le onde, la corrente, la marea, i pesci, le manovre del surfista.

Sicuramente quel bambino sara' presto un bravo surfista. Meglio di me in un batter d'occhio.
Bravo come i coetanei australiani, quelli con i fotografi dietro, le pagine facebook e gli articoli sulle riviste, senza dubbio.
Solo, invisibile al mondo.

14 March 2017

Strange month

Yea, I know.
I've been away for quite few weeks.

I don't know. I've been carried away with stuff.

This last 6 months have been a bit crazy.
A new chapter of my personal life has started and it happened while thinking about and preparing for the surf trip in PNG.

I put a lot of mental and physical energy into both personal needs and goals and into a sort of training program for PNG.
Now that things are settling down and the surf trip is (satisfactorily)gone, I felt, and still feel a bit drained.

I had to relax with my swimming pool routine, I relaxed with my eating order (becoming more undisciplined)  and had some good sleeping in.

Last week I lost the occasion to surf (or try to) amazing conditions in the Gold Coast.
But it's ok.
A man gotta do what a man gotta do.

All this to say that this blog is not dead and I'm still here. I just need a bit of time.
I have in mind some nice topics for the near future.

Meanwhile the QuickSilver Pro in Gold Coast is upon us.
For many is a great surfing event.
For me is a pain in the ass. I don't care much of competitive surfing and it only complicates the crowd problem in the area.

I may have to start looking for isolated beach breaks. I hate beach breaks. They are like coitus interruptus. You know what I mean? But they may give me some rest when the surf is average..
I don't know.

---------


Si lo so.
Sono stato via per un po'. Ma non sono andato da nessuna parte.

Devo dire che ci sono stati dei cambiamenti significativi nella mia vita, che sono successi contemporaneamente all'avvicinarsi del surf trip.
Ho speso risorse mentali e fisiche per tenere tutto sotto controllo, affrontare i cambiamenti e prepararmi al viaggio.

Ora che le cose sono tornate alla normalita', in queste ultime settimane mi sono sentito molto fiacco.
Ho tentato di riposare, ho fatto meno visite alla piscina, ho mangiato di piu' e piu' di merda.
Ho anche lasciato perdere due sessioni di surf per poter ricaricare le pile.

Ho surfato ovviamente. Certo. Ma con meno fame di prima. Forse per via del ricordo delle onde prese in PNG e della folla che mi circonda da queste parti che mi impedisce di divertirmi come vorrei.

Insomma un po di cose.
Ma il blog non e' morto e ho in mente qualche idea di cui scrivere presto.

Nel mentre questa settimana inizia il QuickSilver Pro a Coolangatta.
Per molti appare essere una figata.
Per me e' solo una rottura di cazzo che complica il gia' complicato problema della folla.

Negli ultimi giorni ho pensato che forse dovrei mettermi a cercare e surfare qualche beach break isolato. Odio i beach break. Le cavalcato sono come eiaculazioni precoci. Pero' forse riesco a trovare una mezza via. E se cosi fosse, potrei surfare di piu'.
Mah. Non so.



10 February 2017

At the office

Friday morning, team meeting from 9 to 10.

Someone talks about log ins, customer experience, roster issues. I fight against a big yawn, feel my neck a bit stiff. Look down and see my hands sunburned. This morning my reflex in the mirror still showed my eyes red from the salt water. I may look like I’m on drugs actually. But it’s only the after effects of a strategic day off spent catching perfect waves at National Park, Noosa. 

I look around the meeting room. The neon light it’s a big contrast with the overdose of yesterday sun. I’m sitting on a soft chair and thinking about popping up and catch a ride all the way to Little Cove beach. That’s was I was doing yesterday at this exact time. I look around. The others have no idea. It’s going to be a slow and boring day. 
What’s the forecast looking like?

------

Venerdi mattina, riunione di lavoro dalle 9 alle 10.

Qualcuno parla di problemi coi log ins, del servizio clienti, dei turni di lavoro. Trattengo a malapena uno sbadiglio enorme e sento i muscoli del collo affaticati. Guardo in basso e vedo le mie mani bruciate dal sole. Stamane allo specchio avevo ancora gli occhi rossi dal sale. Non ho una bella cera, sembro un drogato in effetti. Ma e' solo il risultato di un giorno di ferie strategico preso per godere delle onde di National Park, Noosa.

Mi guardo intorno. La luce al neon e' un forte contrasto con l'overdose di sole di ieri. Siedo su una sedia morbida e ricordo i pop up con cui ho dato il via a delle cavalcate finite poi alla spiaggia di Little Cove. Era cio' che stavo facendo esattamente ventiquattro ore fa. Mi guardo intorno. Gli altri non ne hanno idea. Si prospetta un lungo e noioso venerdi.
Come sono le previsioni?

06 February 2017

Surfing PNG, part 2

In regards to surfing, I surfed a lot!

The cap on surfers admitted in the area is a blessing! It should be done in every island/surfing destination. The cap does not apply to locals but on tourists, rightly. And there's a small fee to be paid which help the local economy. I love it.
If you think about how sad Bali is right now, you really would think twice before wasting your resources like that.

Nusa Island Retreat, in Kavieng, offers six different spots on the nearby islands. The further out is 20mins by boat around an amazing little island in the middle of nowhere. I've visited all of them, but didn't surf in two and the waves were tubing right on top of a shallow and sharp reef. (I didn't want to have a go on tube riding in a place where the hospital is worst the the reef itself!)

At most, we have been 12 surfers in one spot (on 3 peaks). It happened just once. While I've been surfing alone twice! Usually we have been 3 or 4 longboarders most of the time.

We found a week of very variable conditions and we surfed anything from 2-3 to 7-8 ft, with occasional monster sets. A part from the two shallow spots, we surfed in all of them even with the biggest waves as the reef was under a good amount of water and the waves were not tubing - most of the times.

I surfed well and tackled good, big waves that usually around here are forever taken by others. I carved a lot with my progressive longboard and enjoyed the feeling of working a big wave face like never before. I was and still am stoked.

What I take with me after this trip is the knowledge that -within the realm of normal/recreational waves- I can surf well, or decently if you like. And that my problem is the crowd and the feeling of fighting for position and the pressure that comes with it. So, I'm more convinced about my skills and I'm happy.

I'm stoked. I can't wait to catch some good waves around here!

-----


-----

Nello specifico, ho surfato tantissimo!

Il tetto al numero di surfisti in acqua e' una benedizione. Dovrebbe essere introdotto in tutte le isole che sfruttano il surf come risorsa economica. La restrizione non si applica ai locali, ma solo ai turisti, giustamente. E si paga una sorta di tassa di accesso insieme alla prenotazione. Favorevolissimo.
Basta guardare in che condizioni versa Bali, capitale di decadenza tropicale, per capire i rischi associati alla mancanza di pianificazione. Ma sto divagando.

Nusa Island Retrait, a Kavieng, offre sei surf spot differenti, destri e sinistri, sparpagliati in almeno 4 isole adiacenti al resort. Il piu' vicino e' dietro il resort e in teoria ci si potrebbe andare a piedi (in teoria), mentre il piu' lontano sorge intorno ad una minuscola isoletta in mezzo al mare a venti minuti di barca.
Sono stato in acqua in ogniuno di essi ma in due spot ho evitato di fare il kamikaze (e quindi di prendere onde) per evitare bombe tubanti direttamente su reef a pelo d'acqua. Erano sitauzioni in cui non ci si poteva permettere di sbagliare, e neanche di "provare", senza compromettere non solo la vacanza ma anche la propria salute in generale, dato che l'ospedale locale di un paese del terzo mondo fa quasi piu' paura del reef stesso..

Il massimo di persone in acqua e' capitato una volta, quando credo fossimo in 12, su tre picchi. Il minimo e' stato 1, io, da solo, in due occasioni. Di solito eravamo in 3 o 4, a surfare per i fatti nostri coi longboard. Una goduria.

Siamo capitati in una settimana di condizioni molto variabili e abbiamo surfato destre e sinistre dal mezzo metro ai due pieni, con alcune bombe occasionali enormi. A parte i due spot assassini menzionati prima, gli altri erano fattibili in quanto il reef stava piu' in basso e le onde di buona dimensione cominciavano a rompere molto fuori, senza necessariamente tubare.

Ho surfato bene, onde belle grandi che di solito da queste parti sono perennemente occupate.
Ho goduto come un riccio a scendere e risalire sulla faccia delle onde, sciolto e in controllo, front hand and back hand, carvando col mio progressive longboard come un ossesso. Ho anche sparato un passo incrociato sulla cima di una montagna trasparente, a mille all'ora, cadendo poco dopo, e ricevendo il suggerimento di non rishiare troppo dal veterano mio faro di riferimento.

Ho goduto, l'ho detto?
Sono molto convinto delle mie capacita'. Ho sempre saputo che il mio problema in Australia e' la folla, non le onde, ed ho avuto la conferma.
Non vedo l'ora di tornare in acqua.

01 February 2017

Surfing PNG - part 1

My week at the Nusa Island Retreat, Kavieng, PNG, left me with a truck load of memories and thoughts.
Every aspect had two sides.

The accommodation is fantastic, in a beautiful setting. But the heat, the humidity and the mosquitos make you suffer a bit, specially at night, when you need a good sleep to takle the next surfing day.
The scenery is stunning. Amazing colours, infinite sky, beautiful reef, fishes and birds everywhere. But also poverty is all around you. And the pollution, plastic, it's making its way to ruin the paradise.
The waves are good. Overhead most of the time of my week and doable. A part from some spots over sharp reef where it tubes and I just didn't dare to try.
The fellow surfers were good. In particular some old guys from the Sunny Coast were super fit and keen to give tips and share experiences. But there were also bogans, or white-trash for Americans.
My surfing improved and my confidence with it. But also I got a clear boundary of my limits. Skills limits, and body limits (age/fitness).
The local crew. A gang of -less lucky than me- boys, kind of poor, with no protections whatsoever, using battered surfboards, doing tricks and aerials like any pro on a magazine cover. But the world just ignore they exist.

It has been a good time.





La nostra settimana in PNG ci ha lasciato con un bel po' di pensieri e considerazioni varie.
Soprattutto ogni cosa ha avuto due facce, tale che Complessita' sarebbe il titolo ideale.

La sistemazione (Nusa Island Retreat, Kavieng) e' fantastica, bellissima. Ma il caldo, l'umido e le zanzare fanno soffrire, specie la notte quando vuoi riposare in vista della sessione di surf mattutina.
Il luogo da cartolina, colori fantastici, animali di acqua, cielo e terra ovunque, corallo e nuvole e orizzonti infiniti.
Ma la poverta' la vedi e non la puoi ignorare. E l'inquinamento arriva anche la, con la plastica che si accumula agli angoli delle vie, o lungo il "porto" di Kavieng.
Le onde, fantastiche, piu' grandi di quello che mi aspettavo, trasparenti, ipnotizzanti. Ma anche cattive, difficili da prevedere, e pericolose, con alcuni spot su reef affilato e micidiale.
I compagni casuali d'avventura. Alcuni in eta' da pensione, fantastici per forma fisica, allegria, disponibilita' a condividere la loro esperienza, entusiasmo. Ma anche i soliti cafoni, ignoranti, quelli che pensano che il personale sai loro schiavo, e che non hanno empatia per cio' che li circonda.
Il mio surfare. Galvanizzato da innumerevoli sessioni, migliorato e piu' sicuro di se. Ma anche consapevole dei miei limiti tecnici  e soprattutto fisici. L'eta' avanza. Non mi riferisco a niente di particolare. Solo, sono consapevole che un'intera settimana di surf a due sessioni al giorno, e' stata pesante e lo sara' sempre di piu'.  
I ragazzi locali. O the local surf crew, come fa figo dire per chi non parla inglese. Una banda di giovani piu' sfortunati di me per tanti motivi, ed una assoluta forza della natura tra le onde. Scalzi sul reef e nudi sotto il sole, muniti di tavole sgangherate, fanno acrobazie come i pro sulle copertine patinate delle riviste di surf. Solo che nessuno sa di loro.

E' stato bello.

31 January 2017

Surf trip photo

Just a pic, for now.


Wave: Nago Left, at Nusa Island Resort, Kavieng, PNG
-click to enlarge-

Al momento mi limito a questa foto.



17 January 2017

Surf Trip

I waited for a long time before writing this, but finally here we are: in few days I'm off for my first surf trip overseas.
My mate and I are going to north PNG.
It's a few hours flight from Brisbane.
It gets swells during this time of the year.
It doesn't get gigantic tubing waves like Hawaii or Fiji.
They only get 20 surfers a day (in the whole area, not on one spot). You can't just turn up there and go surfing if you didn't book and pay your place to the local surfing association. Sustainable surfing.

It seems we'll get perfect size waves for our longboarding pleasure. 
I'm very, very, very exited.
My board looks like a sausage and we are getting ready.
Can't wait! 




Ho aspettato a lungo prima di scriverlo, ma finalmente ci siamo: sto per partire per il mio primo surf trip oltremare.
Io ed un amico andiamo nel nord PNG.
Sono solo poche ore di volo da Brisbane.
Riceve onde in questo periodo dell'anno.
Non riceve mostri impossibili in stile Hawaii o Fiji.
Accettano solo 20 surfisti al giorno, in tutta l'area. Non e' possibile arrivare e farsi una surfata se non hai prenotato e pagato l'ingresso all'associazione serfistica locale. Surf sostenibile, al contrario di molte isole del Pacifico dove si crea il circo.

Sembra che al nostro arrivo ci aspettino onde di grandezza perfetta per il nostro godimento da longboard.
Incrocio le dita e sogno ad occhi aperto. Non sto nella pelle.
La mia tavola sembra una salsiccia ed e' quasi tutto pronto.
Manca poco!

16 January 2017

Funny (?) News

In case you missed it, a Japanese guy was recovered 6km out at sea by a tank, after he went adrift during a surf session in Wollongong, Australia.


-----


Nel caso non l'abbiate sentito, un tipo giapponese e' stato recuperato da una petroliera a 6km dalla costa, dopo esser andato alla deriva durante una sessione di surf a Wollongong, Australia.
A pensarci, sorgono troppe domande. 
Forse e' il Fantozzi giapponese, semplicemente.




12 January 2017

Reality check

Take any surf magazine or video, and you'll see those mythic creatures surfing amazing and uncrowded waves. 
Than take Bethany Hamilton's interview here, and read this:

"So being in Fiji it was like a motivation just to be able to keep surfing heats out there with no-one around, because even the free-surfs are crowded. Everyone’s there trying to get a wave"

There you go. After or before World Tour events/heats, there are so many surfers in the water for the "free surf" sessions, that it gets crowded like a usual session for us.

I think I've never seen a pic of  top surfers crowding a spot. But I suspect it is the reality of the World Tour. Unwelcome, unwanted reality.
I feel better.  


-----

Noosa crowd

----


A sfogliare riviste e vedere filmati sui top surfers, sembra che stiamo sempre da soli a surfare onde  della madonna.
Poi trovi questa intervista di Bethany Hamilton, e leggi questo:

"Essere alle Fiji era come una motivazione ad avanzare nelle heats di gara senza nessuno attorno, perche' anche le free-surf session erano affollate. Tutti cercano di prendere onde."

e ti rendi conto che in realta', durante le sessioni libere, i pro affollano gli spot allo stesso modo di noi umani, rendendo le sessioni frustranti.

Non credo di aver mai visto una foto di spot affollati a causa dei top surfers. Non fa parte dell'immagine del surf che si vuole vendere. Ma e' sicuramente la realta': folla in acqua.
Sorrido e mi sento meglio.

21 December 2016

See ya

I know I really have no time in the coming days, so I’m saying goodbye to 2016 now.

It has been a year of surfing progress and frustration.

I got better. I had great long rides, some nice attempts at nose riding, some interesting manoeuvres, big waves, fun waves, steep drops, good things in general. 
I think you can merge me with the rest of my fellow Australian, recreational seaborn surfers. And it’s an achievement.
(Now I’d like to learn to send my longboard vertical against the wave. That’s my aim.)

But I also had a bit of bad luck, lots of (dry) commitments, and lots of horrible conditions that slowed me down.  

2017 is coming with some good changes and some news.
I’m looking forward to it.
I hope it’ll bring (surf)progress and serenity. For me and you all.
We all need it.


------



Prevedo pochissimo tempo a disposizone, quindi congedo ora il 2016 di questo blog e rimando and un 2017 che spero porti buone onde.

Il 2016 e’ stato contemporaneament un anno buono per il mio surf e deludente per le condizioni ambientali ed alcune casistiche sfigate che mi hanno fatto perdere belle occasioni. In particolare gli ultimi sei mesi sono stati i piu’ frustranti che abbia mai visto, in quanto ad assenza di onde.

Io sono migliorato. Ho fatto onde chilometriche, ho fatto accenni di nose riding, ho surfato in entrambe le direzioni, ho lanciato spruzzi d’acqua oltre la cresta, ho sfidato alcune onde decisamente piu’alte di me, ho eseguito dei pop up su muretti verticali col mio magico longboard. 
Ho avuto anche esilaranti momenti fantozziani ed ho danneggiato la mia bella tavola da fermo, sotto la doccia. 
Credo che ora, visto da fuori, potrei mimetizzarmi nella massa dei tanti surfisti che affollano queste parti.
Vorrei solo migliorare un altro po’ per mandare il longboard verticale sulla faccia dell’onda.

La delusione e’ stata la poca costanza. Surfo tutto l’anno, ma impegni, sfighe e condizioni avverse mi hanno messo il bastone tra le ruote.

 Il 2017 sta per iniziare con delle belle novita’. 
Spero sia un anno di ulteriori progressi, e serenita’. Anche per voi.
Ne abbiamo bisogno tutti.

20 December 2016

Esher's waves

Checking out a book about Mauritz Esher, I found this great drawing.
He was Dutch and went to school at Zandvoort, near the North Sea. 
I went there once. There was a nice coffee shop at the beach, with pictures on the wall of an historic storm which destroyed the coastline decades before. And there was an Australian surf shop!
It was September, the water was freaking cold and brown. It was low tide and you could guess the shallow water for hundreds of meters.
I can see just that place in here. And his depiction of waves is perfect, ca va sans dir! 




Sfogliando un libro su Mauritz Esher ho trovato questo bellissimo disegno di onde.
Andava a scuola a Zandvoort, sul mare del nord, Olanda. Ci sono stato qualche anno fa. In un baretto c'erano foto di una storica mareggiata che aveva distrutto il litorale. E c'era un negozio di surf australiano!
Era settembre e l'acqua era marroncina, con la bassa marea si intuiva un fondale basso per tanti metri, esattamente come nel suo disegno.
Ed ovviamente con la sua maestria ha disegnato non onde perfette, ma perfettamente realistiche.


09 December 2016

Recycling an old post: Upside down

I'm going out of track here, but I just learned that there are people who believe that the earth is flat.
Far out!

That reminded me of a nice post I wrote for my old -Italian only- blog. I had a look and decided to translate it into English because it's really nice!

It has nothing to do with surfing, but in a way it does, since knowing where you are it's important, isn't it?


------


Vado fuori tema, ma ho appena imparato con sconcerto che c'e' gente che crede che la terra sia piatta. Un complotto, per capirci!

Mi e' allora tornato alla mente un post molto carino, almeno per i miei gusti, che avevo scritto anni fa per il mio precendente blog sull' Australia. L'ho tradotto e ora lo linko qua sotto.

Non c'entra niente col surf, ma in qualche modo c'entra lo stesso, dato che il posto nel quale ti trovi determina la tua vita (l'Australia per esempio mi ha dato il surf). E bisogna sapere quale posto si occupa nel mondo, no?


30 November 2016

What I missed

I found a basic video about the good waves last week in Noosa.
It was weekdays and I couldn't go, but having managed 2 good sessions in the weekends I can't complain too much.

When Noosa deliver, is the best wave I have ever seen.
With my long, in similar conditions, I managed to get rides close to a minute long! Your mind just blows up!

Also, I love that there are no stupid pros filmed here, but everyday surfers enjoying their life (and they are not better than me, which makes me feel good, somehow!).








Ho trovato un video grezzo girato col drone a Noosa durante la settimana scorsa, quando c'erano onde da goduria. Non grandi, ma molto belle comunque.
Purtroppo non ho potuto andarci, ma il rammarico e' mitigato almeno un po' da due buone sessioni nel weekend.

Quando Noosa regala queste onde, e' semplicemente il posto miglore che esista. La forma e' sempre perfetta e consistente. Con il long, le ultime volte in condizioni simili ho fatto onde da quasi un minuto. Da uscire di testa.

Mi piace poi il fatto che la gente filmata non siano i soliti cazzo di campioni del mondo delle mie palle, ma gente normale che se la gode. E che non e' meglio di me! Mi fa sentire bene! :)


21 November 2016

Waves, at last

An horrible, busy week.

Stress to max levels, plus half sick, no gym, tired to the bone. With bogans fighting Saturday night in the streets, waking me up and losing my sleep until dawn.
Sunday morning spent doing must do stuff, then lunch on the go and away to the Gold Coast with 35C in the car in search of anything rideable.  

Then the universe winkled at me, or maybe forgot to make me feel miserable.

As soon as we arrived a car left for us to park.
Then I realised that of all the people in the water, nobody was surfing the point: they were all kids and families, no surfers!
I went in and in 30 secs I was on my first wave.
I enjoyed 40 minutes of almost alone surfing, with conditions improving every minute (like forecast said).
Then other people arrived, but they were weekend surfers like me. Nobody aggressive and nobody really better than me.

I kept catching the biggest sets and doing my turns and carving without worrying about people.
They were the best conditions I found in months and I surfed at a very decent level.

Then we had a walk in Coolangatta and enjoyed dinner and the sunset from the surf club's balcony.
Thank you universe.


Your soul feels better after a good session and a dinner with this view
Cena con tramonto dopo una bella sessione e sentirsi rinascere



Una settimana pesante, stressante.

Quasi mi sono ammalato, ho saltato gli allenamenti, sono arrivato a sabato stanco e la notte una rissa tra coatti mi ha svegliato, rimanendo poi col cervello in moto sino all'alba.
Ho passa la domenica mattina e sbrigare cose necessarie, ho pranzato con uova e pancetta affogate in una salsa schifosa, e mi sono sparato i 100km d'ordinanza per la Gold Coast con 35C in macchina. 

Poi l'universo si e' accorto per un attimo di me. O forse no, magari ha solo starnutito o qualcosa del genere.

Sono arrivato al parcheggio affollato e una macchina e' andata via proprio davanti a me. Mi sono cambiato e spalmato di crema, messo il leash nuovo e camminato sotto un sole tremendo ancora col mal di testa.
Poi ho guardato la folla in acqua e mi sono accorto che erano tutti bambini e famiglie, e nessuno stava surfando il point!
Ho preso la prima onda in 30 secondi e sono stato solo (a surfare si intende) per quaranta minuti.

Poi e' logico che se qualcuno prende onde, altri arriveranno. E sono arrivati. Ma erano serfisti del weekend come me. Nessuno particolarmente agressivo o in grado di fare numeri spettacolari. Anzi, ho continuato a prendere le onde piu' grandi in alternanza con due o tre tipi, e a fare manovre in tutta liberta', senza dovermi preoccupare degli altri.

Considerando come sono arrivato alla domenica, e il fatto che per mesi non ho avuto modo di far niente, ho surfato bene, girando e carvando in tutte le direzioni e lanciando degli splash oltre la spalla di tanto in tanto.
Ho guduto.

Poi abbiamo aspettato il tramonto e cenato guardando le onde di Coolangatta dal balcone del surf club.
Mi ha fatto bene all'anima.



17 November 2016

Rena Majore




Rena Majore is a awesome little village in the north of Sardinia (Italy). It sits on green hills looking at a very beautiful stretch of coast. 
That's where I spent 3 months of my life every summer, from when I was a baby to teenager years, when the call of soft female skins made me dislike the isolation of the place.

Every now and then I found the village mentioned by my compatriots in search of waves. This fact surprises me, and makes me feel kind of jealous, and a lot of nostalgia.

That coast faces NW, and it takes the Mistral wind straight in the face for most of the year.
Having spent so much time on that sand, I remember every sort of sea condition: from the fury storm to magic colorful lake. And everything in the middle. 


And interesting, I never, never, never saw a single surfer tackling those moody waves. I recall seeing windsurfs in the far distance, but never those guys landing anywhere to be seen.
We were thought to be wary of the sea, and most of the fun was often on the beach, and not necessary in the water.

Now, when I hear about people searching for waves in that area, I recall some specific days in my childhood that fascinate me.
In fact, there were times when after a storm the sand would find itself readjusted evenly throughout the bay, creating a sort of pool 40cm deep and 100m long. It didn't happen every time there was a storm, and not even every summer. Just sometimes, god knows why.
And in those days, under the hot Mediterranean sun, with crystal clear water, in absence of wind, one or two feet waves (leftover from the previous mess) rolled nicely in, all the way to the beach. And we kids used to play with them, and catch them with inflatable mattresses, and run over our parents and every swimmer in our path. And we laughed, and we had the best days of all.  

Lots of sand in this pic and some white here and there.. 

If at that time someone would have showed us what could been done on those little waves, I believe I would have become a surfer decades before I did.

Also, I think I played in very rare, and totally spectacular surf conditions, specially for a longboarder like I am now!
Life is strange and unpredictable.


-----



Rena Majore e' una localita' nel nord della Sardegna, con un bellissimo e vecchiotto villaggio turistico sorto fortunatamente non a ridosso della spiaggia, ma lungo belle colline verdi che guardano il mare.
Per i casi della vita, ho avuto la fortuna di passarci intere estati (circa 15 di fila, ad occhio), fino a quando, da ragazzotto pieno di ormoni, non riuscivo piu' ad isolarmi lontano dagli amici e soprattutto dalle pelli profumate delle giovincelle di mia conoscenza..

Ma ne parlo ora qua, perche' di tanto in tanto Rena salta fuori come destinazione per surfare per i miei conterranei in cerca di onde. E mi prende un magone strano, misto di gelosia, nostalgia, affetto, e curiosita' surfistica.

E penso alle mie infite, immobili, calde, spesso noiose estati passate la, e alle onde che vedevo.

Rena siede in direzione NO, e si prende il maestrale in faccia quasi tutto l'anno. Durante i miei 3 mesi di vita da spiaggia, vedevo tutte le condizioni possibili immaginabili. Dalle mareggiate estreme alle mattine in cui quasi quasi l'acqua non si muoveva neanche sulla battigia. E tutto cio che c'era nel mezzo.



In tutti quegli anni mai e poi mai vidi qualcuno surfare! Al massimo qualche volta spuntavano due o tre windsurf in lontananza, che non vedevo neanche mai partire o tornare in spiaggia.
Del mare si aveva paura, in generale, e il divertimento stava sulla sabbia quasi piu' che dentro l'acqua.

Ma cio' che mi affascina ora e' il ricordo di alcune giornate, che capitavano nei giorni successivi alle mareggiate, quando il mare, non si sa perche', aveva distribuito la sabbia in modo da fare una grande piscina di 40cm per almeno 100 metri. E quando, sotto il sol leone e senza vento, arrivavano uno o due piedi di onde perfette, che rollavano da lontano sino alla spiaggia, che io ed i miei compagni di giochi prendevamo con i materassini, travolgendo parenti e bagnanti vari, con risate e gioia infinita tipica dei bambini.

Molta sabbia e qualche schiuma in questa foto..

Ora, da adulto, lontano e invecchiato, capisco cio' che succedeva in quelle giornate. E son sicuro che se al tempo qualcuno ci avesse fatto vedere cosa si sarebbe potuto fare con quelle collinette d'acqua, mi sarei innamorato del surf con decenni di anticipo. 

Credo anche, se i miei ricordi non mi tradiscono, che in quelle giornate ho giocato in rarissime e spettacolari condizioni di surf, soprattutto per un longboarder quale sono oggi.

Che strana la vita.

09 November 2016

Bennett is a classic bear

So, here we go with a pastime, if you need one:

Why on earth Bennett Surf Co., Bear Surfboard and Classic Malibu have the same logo?









Yes, not exactly the same.. whatever.. but what’s the story here?
Can anyone tell?

According to the unreliable internet sources, Bennett was founded in 1956, Bear in 1980 and Classic Malibu in 1987. But does this timeline has anything to do with their logos?

Bennett is Australian. Bear was created in California for the Big Wednesday movie. Did they see Bennett’s logo?? And did Peter White got inspiration from the cult movie for his own logo? Or was he a friend of Bennett?
Or are they completely unrelated stories?

I would happily read a 300 pages book on this matter. On a sunny afternoon, with a drink at hand, and the Ocean on the background.



-------



Cose che succedono, si acavallano, tengono la mente occupata, stressano, e onde che non arrivano per lenire i miei dolori.

Saro’ ripetitivo, ma non ricordo un period cosi’ tanto lungo di niente surf. Da fine Agosto ad oggi, and counting, come dicono qua. E non sto parlando di onde piccole, me di vero e proprio schifo. Incredibile.

Cosi, altro non rimane che perdere tempo con quisquilie.

Allora la domanda e’:
Com’e’ che Bennett Surf Co., Bear Surfboard e Classic Malibu hanno lo stesso logo?









Si, vabbe’, non sono identici, blab la bla.. ma e’ inutile divagare sulle differenze.
Qualcuno la fuori ne sa qualcosa?

Stando alle fonti incerte di internet, Bennett e’ stata fondata nel 1956, la Bear nel 1980 e Classic Malibu nel 1987.
Ma queste tempistiche hanno anche a che fare coi logo? Non necessariamente!

Bennett e’ una famiglia Australiana, e la Bear e’ stata creata in California per via del film Big Wednesday. Che a quelli del film piacesse lo stile del logo di Bennett?? O che Peter White volesse rendere omaggio al film col suo logo? 
O alcuni delle persone coinvolte si conoscevano?
O al contrario, non c'e' nessuna relazione ed e' tutto casuale?

Mi leggerei volentieri un bel libro di 300 pagine su questo argomento, con una bibita fresca a portata di mano, in un bel pomeriggio estivo, con l’Oceano sullo sfondo.